in

Fiat in USA: quali prospettive?

Fiat: in tanti si domandano quale sarà il futuro della casa italiana nel mercato auto degli Stati Uniti

Il ritorno di Fiat in USA negli scorsi anni non è stato sicuramente eccezionale. Le vendite, che inizialmente non erano state niente male, sono andate via via a calare con il passare degli anni. Allo stesso tempo, la principale casa automobilistica italiana ha via via eliminato tutte le sue auto dal mercato degli Stati Uniti.

Dopo l’addio di Fiat 500 e della 124 Spider nella gamma americana della casa di Torino è rimasta solo una vettura: il crossover Fiat 500X che comunque in quel paese rappresenta qualcosa di esotico e raro in strada.

Quale sarà il futuro di Fiat in USA?

Al momento non è chiaro quale sarà il futuro di Fiat in USA. Negli scorsi anni si era addirittura parlato di un totale disimpegno del marchio italiano, che avrebbe così lasciato campo ad altri brand dell’allora gruppo FCA. All’epoca si diceva che Fiat avrebbe detto addio agli Stati Uniti per concentrare i suoi sforzi in mercati più facili per lei come l’Europa e l’America Latina.

Proprio in quest’ultimo continente le cose per Fiat in effetti sono migliorate tantissimo grazie ai nuovi modelli lanciati in questi anni come Argo, Mobi, Cronos, Strada, Toro e Pulse, frutto di grossi investimenti che continueranno anche nei prossimi anni con il lancio di altre auto inedite.

Anche in Europa vi è il sentore che le cose possano migliorare notevolmente nei prossimi anni. A parte Fiat 500 che è ormai una certezza, adesso anche in versione completamente elettrica, si attende il ritorno del marchio nel segmento B del mercato con almeno due modelli uno dei quali potrebbe essere la nuova Fiat Punto. Sempre a proposito dell’Europa si dice anche che altri modelli, forse SUV potrebbero essere lanciati nei segmenti C e D.

Per quanto riguarda invece il Nord America tutto tace. Questo a differenza ad esempio di Alfa Romeo, il cui CEO Jean-Philippe Imparato ha specificato che il Biscione proverà a crescere negli USA. Molto dipenderà da cosa deciderà di fare il nuovo gruppo Stellantis ed in primis cosa deciderà il suo amministratore delegato Carlos Tavares.

Non possiamo escludere un piccolo cambio di rotta rispetto alla precedente gestione con la possibilità che futuri modelli più adatti al mercato USA possano alla fine sbarcare dall’altra parte dell’oceano.

I futuri SUV di segmenti C e D ad esempio potrebbero essere perfetti per aumentare di molto le vendite della casa italiana in quel paese, andando ad affiancare l’attuale Fiat 500X che comunque come sappiamo nei prossimi anni sarà sostituita dal modello leggermente più grande.

Fiat Logo
Fiat: in tanti si domandano quale sarà il futuro della casa italiana nel mercato auto degli Stati Uniti, sempre che un futuro ci sia

Anche sul futuro di Fiat in USA molto probabilmente avremo maggiori certezze una volta che avremo conosciuto il nuovo piano industriale di Stellantis ed in particolare tutto quello che riguarda il marchio Fiat.

Solo a quel punto capiremo se il gruppo di Carlos Tavares deciderà di puntare solo sui marchi premium per conquistare il difficile mercato auto americano. Le ipotesi al momento sono varie ma a nostro avviso quello di puntare soprattutto su marchi quali Jeep, Maserati, Alfa Romeo e Ram sembra rimanere l’ipotesi più plausibile al momento per Stellantis.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo, Fiat e Lancia con Stellantis hanno solo da guadagnare

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento