in

Auto: il test del rumore sarà obbligatorio in Europa dal 2024

Alcuni produttori di auto sportive come Mercedes-AMG si sono già adattati alle nuove normative

L’Europa ha costretto i produttori a limitare il rumore delle proprie auto nel 2019. Mercedes-AMG è stata una delle prime ad adeguarsi alle nuove normative, abbassando le emissioni acustiche dei suoi veicoli più sportivi. La vera norma, però, entrerà pienamente in vigore nel 2026.

Questa è stata creata dopo le varie richieste provenienti da diverse associazioni che chiedevano una soluzione al rumore di moto e auto con scarichi modificati. In effetti, diverse auto sportive di ultima generazione propongono un sound molto meno aggressivo rispetto a prima. Inoltre, in alcuni punti, queste auto rumorose non possono circolare, come sulle rotte turistiche del Tirolo in Austria.

Auto test rumore Europa
L’Europa renderà il test del rumore obbligatorio dal 2024

Auto: l’Unione Europea renderà il test del rumore obbligatorio fra qualche anno

La direttiva 2014/45/UE ha stabilito la data di aggiornamento con un fonometro in tutti gli ITV presenti nell’Unione Europea prima del 20 maggio 2023. La nuova normativa nasconde però alcuni aspetti che rendono più difficile il raggiungimento dell’obiettivo del provvedimento.

La misurazione dei decibel di un veicolo, inoltre, potrebbe portare a risultati falsi e includere altri suoni. È richiesta quindi un’installazione specifica per eseguire misurazioni più precise. Il test verrà effettuato sui veicoli più sospetti.

Uno dei problemi principali di questo nuovo test è come dimostrare che l’impianto di scarico è stato modificato in quanto i veicoli possono essere revisionati con l’impianto originale e poi sostituito con uno illegale. La soluzione migliore sarebbe quella adottata in Germania, ossia effettuare misurazioni rumore nel traffico stradale.

Un particolare autovelox del rumore è stato già testato in Francia

Un paio di anni fa, la Francia ha avviato i test di un nuovo tipo di autovelox a cui gli è stato attribuito il nome provvisorio di autovelox del rumore o di radar del rumore. Questo strumento avrebbe l’obiettivo di punire i veicoli che emettono troppo rumore e sarebbe stato già installato su alcuni pali della luce presenti nella città francese di Villeneuve-le-Roi.

Il funzionamento di questo sistema è molto semplice: rileva il passaggio di un veicolo particolarmente rumoroso, lo identifica e a quel punto scatta automaticamente la multa se emette troppo rumore. Il meccanismo che sta alla base è quindi molto simile ai tradizionali autovelox che misurano i limiti di velocità.

Ogni dispositivo è dotato di quattro microfoni che hanno l’obiettivo di misurare i decibel dell’ambiente e le variazioni al decimo di secondo. Attraverso una triangolazione, il sistema è capace di stabilire il punto di origine del rumore. In aggiunta, l’autovelox dispone di una telecamera che cattura una foto del veicolo incriminato e la posiziona accanto al grafico della scia acustica registrata.

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento