in

GTO Engineering: ecco come ha rivisto il motore V12 di Ferrari

Il peso target per il nuovo motore è di 165 kg

GTO Engineering Squalo V12

Il V12 aspirato da 4 litri realizzato da GTO Engineering prende come base di partenza l’originale propulsore Colombo sviluppato da Ferrari ma aggiornato con le più recenti tecniche di ingegneria e tecnologia di combustione interna. Il risultato è un propulsore più leggero, pulito, potente e con più giri rispetto all’originale unità degli anni ‘60.

Con una potenza totale fissata a 460 CV e un limite di giri di 10.000 g/min, possiamo aspettarci un sound davvero appagante. Questo 12 cilindri aspirato è stato progettato da GTO Engineering per la Squalo, una vettura sportiva che riprende lo spirito delle Ferrari degli anni ‘60.

GTO Squalo
GTO Squalo

GTO Engineering: l’azienda rivela maggiori informazioni sul motore V12 di Ferrari per la Squalo

Nel 1960, la casa automobilistica modenese passò da due alberi a camme in testa a quattro camme ma rimase con due valvole per cilindro anziché aumentare il numero a quattro. Il propulsore utilizzato sulla GTO Squalo dispone invece di quattro camme e un totale di 48 valvole: 24 di aspirazione e 24 di scarico.

L’uso di quattro valvole per cilindro è una cosa abbastanza comune nei motori moderni mentre le due valvole di aspirazione più piccole consentono di far entrare più aria nel motore rispetto a una singola valvola più grande.

GTO Engineering Squalo V12

Uno dei vantaggi offerti da questa disposizione è consentire al powertrain di aspirare abbastanza aria ad alti regimi, cosa molto importante per raggiungere il limite di giri elevato a cui mirano gli ingegneri dell’azienda britannica. Il design della distribuzione in cui si trovano gli ingranaggi è stato perfezionato, così come il carter. Il motore non dispone di carburatori Weber a doppio corpo ma ha un’iniezione elettronica con 12 singoli corpi farfallati (uno per ogni cilindro).

Il design esatto del sistema di accensione è ancora in fase di definizione ma sappiamo che ci saranno un sensore dell’albero motore e una centralina per controllare il sistema di iniezione del carburante per la gestione del motore e questo potrebbe includere anche l’accensione. GTO Engineering afferma che il propulsore della GTO Squalo dispone di lubrificazione a carter secco per fornire costantemente olio alle parti mobili del propulsore in caso di forti frenate.

Per ridurre il peso del V12, i designer dell’azienda hanno eliminato qualche grammo usando componenti particolari. Tutti i materiali utilizzati per realizzare il propulsore sono stati scelti per ridurre al minimo il peso. La frizione e il volano sono stati progettati per essere più leggeri del 25% rispetto agli originali. Il peso target è di 165 kg rispetto ai 176 kg del 12 cilindri di una Ferrari 250 SWB. Alcuni prototipi di componenti, infine, vengono prodotti internamente usando la stampa 3D.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento