in

Opel: ‘I clienti decideranno la fine dei motori a combustione’

Il presidente di Opel, Michael Lohscheller, dice che la sua azienda continuerà a produrre motori a combustione sino a quando i suoi clienti li compreranno

Opel Russelsheim
Opel Russelsheim

Il presidente di Opel, Michael Lohscheller, ha rilasciato alcune dichiarazioni interessanti dove mette sul tavolo l’attuale situazione della mobilità elettrica e dove pensa che stia andando. Un mercato chiaramente dominato dalle auto elettriche, ma dove, nonostante l’aumento di autonomia delle nuove generazioni, sarà necessario che la rete di ricarica aumenti la propria densità per chiudere l’era dell’auto a combustione.

Opel: Michael Lohscheller, dice che la sua azienda continuerà a produrre motori a combustione sino a quando i suoi clienti li compreranno

Mentre alcuni marchi hanno già confermato le date per la fine delle loro vendite di auto diesel e benzina, da Opel vogliono essere un po’più cauti e per ora non vogliono impegnarsi in una data specifica per la fine dei motori a combustione. La strategia del marchio tedesco, ora parte del Gruppo Stellantis, è che il cliente possa scegliere il tipo di motorizzazione del proprio veicolo. Qualcosa che li ha portati ad attuare la strategia “multi-energy approach” che in pratica significa che offriranno sempre più veicoli a propulsione elettrica, ma anche diesel, benzina e persino ibridi plug-in.

Ciò si traduce nel fatto che le linee di produzione saranno predisposte per aumentare e diminuire la produzione di ogni motorizzazione in base alla domanda. Qualcosa che sembra funzionare per loro poiché dopo molti anni di perdite, l’adesione al gruppo PSA prima e Stellantis dopo ha restituito a Opel i profitti e questo nonostante l’enorme impatto della pandemia. Ma per il presidente della casa tedesca, sebbene a lungo termine sia chiaro che prevarrà l’auto elettrica, non vogliono chiudere i battenti a breve termine ai motori tradizionali e sono pronti ad aprire a possibili soluzioni come i combustibili sintetici e l’idrogeno.

Il problema principale secondo Lohscheller è che, nonostante il fatto che le autonomie dei veicoli elettrici non smettano di aumentare, cosa che indica “raggiungeranno presto i 700 o gli 800 chilometri nei modelli premium”, la rete di ricarica pubblica è ancora insufficiente. Oltre a scarseggiare la rete di ricarica, da Opel hanno notato che per il mercato di massa una ricarica rapida fino all’80% in 30 minuti è ancora troppo lunga per molti clienti. Qualcosa che rallenta l’espansione della mobilità elettrica.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento