in

Stellantis: Faurecia si riprende grazie alla Cina

Grazie alla forte performance in Cina il fatturato di Faurecia è aumentato nel primo trimestre a 4 miliardi di euro

faurecia

Il fatturato di Faurecia è aumentato nel primo trimestre a 4 miliardi di euro (+ 8,9% su base annua), avvicinandosi alla performance all’inizio del 2019, secondo i risultati pubblicati lunedì. “La crescita è stata particolarmente forte in Cina, dove le nostre vendite hanno superato le vendite pre-Covid per il primo trimestre del 2019”, a 670 milioni di euro (+ 87,6%), lo ha detto il capo del produttore di attrezzature francese, Patrick Koller.

Grazie alla forte performance in Cina il fatturato di Faurecia migliora notevolmente

Oltre all’Asia, unica regione in cui la produzione automobilistica è aumentata nel trimestre, l’attività è stata più variegata nei principali mercati del gruppo: in Europa, mercato principale del gruppo, è cresciuta del 5,4% in un anno, in Nord America è diminuita del 6,1%. La ripresa di queste regioni e “l’inizio della produzione dei nuovi programmi di produzione di sedili, che guadagneranno slancio nel resto dell’anno, contribuiranno ad accelerare la crescita delle vendite dal secondo trimestre”, sottolinea Faurecia.

Le vendite di Faurecia erano già rimbalzate fortemente nella seconda metà del 2020, consentendole di limitare le sue perdite nette a 379 milioni di euro in quest’anno segnato dalla pandemia e da uno storico rallentamento della produzione automobilistica. La produzione di sedili ha registrato una crescita del 10,1%, le attività “Interiors” (console e cruscotti) dell’11% e il settore della “mobilità pulita” (marmitte, catalizzatori) del 6,4%.

Completata la distribuzione delle azioni Faurecia precedentemente detenute da PSA, poi da Stellantis, il gruppo ha dichiarato: Faurecia ora ha un flottante che rappresenta l’85% del suo capitale ed è entrata nell’indice CAC Next 20. Il restante 15% è detenuto dai quattro grandi azionisti storici dei gruppi sposati a Stellantis: i fondi delle famiglie Agnelli e Peugeot, Bpifrance e Dongfeng. Hanno accettato di detenere le loro azioni per un periodo di 180 giorni dopo il completamento della distribuzione da parte di Stellantis.

Ti potrebbe interessare: Stellantis rilascia questo lunedì i diritti relativi alla distribuzione di Faurecia ai suoi azionisti

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento