in

Opel vuole crescere anche fuori dal mercato europeo

L’anno prossimo Opel vorrebbe entrare in più di venti nuovi mercati, principalmente in Sud America e Asia

Opel
Opel

Opel vuole riesaminare le possibilità di un’ulteriore crescita internazionale. Ciò potrebbe includere anche i mercati al di fuori dell’Europa. Questo è ciò che ha detto Michael Lohscheller, amministratore delegato di Opel. L’amministratore delegato sottolinea che il marchio è ora in grado di registrare tre anni di profitto consecutivi. Inoltre, la casa tedesca può anche contare sulla struttura internazionale della sua casa madre Stellantis nei suoi piani di espansione.

Opel vuole riesaminare le possibilità di un’ulteriore crescita internazionale

Opel ha già notato lo scorso anno che le vendite del modello Corsa al di fuori dell’Europa sono triplicate nell’ultimo anno. Corsa dovrebbe anche guidare i piani di espansione nel mercato giapponese. “Opel può ovviamente ripiegare sulla sua identità tedesca per prendere piede in molti mercati”, ha riconosciuto Lohscheller. ‘Inoltre, ora è possibile entrare in mercati in cui Stellantis ha già una rete di vendita e strutture finanziarie . Non dobbiamo ricominciare da capo.”

L’amministratore delegato ha aggiunto di voler procedere passo dopo passo – paese per paese – con l’ulteriore espansione. L’anno prossimo Opel vorrebbe entrare in più di venti nuovi mercati, principalmente in Sud America e Asia. Nel febbraio dello scorso anno, il marchio ha ampliato la sua presenza in America Latina e ha lanciato quattro modelli in Colombia ed Ecuador.

Lohscheller ha citato il Nord Africa e la Turchia come regioni di interesse per i modelli sviluppati per il mercato europeo. Secondo il CEO, questo è un po’ più difficile in Russia, dove i prodotti potrebbero dover essere adattati alle preferenze dei clienti e le case automobilistiche devono pagare dazi all’importazione elevati, a meno che la produzione nazionale non possa essere garantita e anche i fornitori locali lavorino insieme.

Secondo Lohscheller, Stellantis sta anche valutando se Opel potrebbe ripensare a una presenza in Cina, dove i marchi premium tedeschi di solito hanno registrato buoni risultati storici. “Tuttavia, non è stata ancora presa una decisione finale in merito”, ha osservato il CEO.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Giulietta: ecco cosa la distinguerà dalle auto di Opel, Peugeot e DS

 

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento