in

Stellantis: cattive notizie da Figueruelas

Lo stabilimento Stellantis / Opel di Figueruelas  interromperà nuovamente la sua attività produttiva nel turno di notte questa domenica 11 aprile

Figueruelas
Figueruelas

Lo stabilimento Stellantis / Opel di Figueruelas  interromperà nuovamente la sua attività produttiva nel turno di notte questa domenica 11 aprile, a causa di problemi di fornitura di componenti ed in particolare di microchip. La conferma è stata data dalla società stessa che ha informato i lavoratori del suo stabilimento spagnolo nelle scorse ore.

Lo stabilimento Stellantis / Opel di Figueruelas  interromperà nuovamente la sua attività produttiva nel turno di notte questa domenica 11 aprile

In linea di principio, il gruppo Stellantis non prevede di implementare alcun file di regolamentazione del lavoro temporaneo ( ERTE ) presso lo stabilimento di Figueruelas, poiché la società ha concordato sistemi di orari flessibili con i lavoratori della fabbrica.

La situazione però è in continua evoluzione e dunque vedremo cosa accadrà in quella fabbrica nei prossimi giorni e se alla fine Stellantis deciderà di optare per l’Erte nel suo stabilimento Opel di Figueruelas in Spagna. A Vigo invece la situazione sembra essere leggermente migliorata ed infatti per il momento nessuna ERTE sembra essere prevista per i lavoratori di quel sito produttivo che il gruppo del numero uno Carlos Tavares possiede sempre in Spagna.

Ti potrebbe interessare: Stellantis, dati primo trimestre Fim-Cisl: cosa si rischia stabilimento per stabilimento in Italia

Stellantis
Lo stabilimento Stellantis / Opel di Figueruelas  interromperà nuovamente la sua attività produttiva nel turno di notte questa domenica 11 aprile per mancanza di semiconduttori

Ti potrebbe interessare: Stellantis: a Melfi stop produzione fino al 12 aprile, si muove la Fim Cisl, domani l’attivo RSA

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento