in

Quante Supercar distrutte nella saga di Fast & Furious, un miliardo di danni

Otto celebri film con al centro corse di auto, inseguimenti mozzafiato e danni rilevanti di bolidi.

Dodge Charger R/T

Una serie culto per milioni di fan quella di Fast & Furious. Fan dei due divi di Hollywood, Vin Diesel e il compianto Paul Walker, ma anche appassionati di auto. Bolidi a 4 ruote con motori super potenti che nelle acrobazie di cui la saga con ogni film è piena, subiscono danni e vengono distrutti.

Danni enormi in dollari, visto che la produzione è americana. Auto e copie di auto demolite in spettacolari incidenti.
Insure the Gap, una nota compagnia di assicurazioni britannica ha analizzato tutte le otto produzioni ( sono 8 i film della serie già usciti ed un nono in produzione), e quantificato danni per oltre un miliardo di dollari.

Numeri impressionanti come impressionanti sono quelli del numero delle auto distrutte. E ne ha parlato pure la Gazzetta dello Sport nella sua sezione dedicata ai Motori.

Più di un miliardo di dollari di auto distrutte

La Dodge Charger R/T del 1970, guidata da Vin Diesel, nel film Dominic Toretto, oppure la Toyota Supra M4K guidata da Paul Walker, e poi varie Ferrari, dalla 360 Spider alla FXX, Honda S2000, Madza RX7, Lamborghini LM, Mitsubishi Eclipse, Nissan 370Z, sono queste alcune delle super auto che sono comparse nei film.

In totale sono 1800 le vetture distrutte in tutti gli 8 film fin qui usciti. Solo nel sesto film della saga ne sono state distrutte la bellezza di 350 auto.
Fast & Furious è una serie cinematografica d’azione che basa tutto sui motori e i danni collaterali non possono essere evitati. Ci sarà una man o dal computer, ma la distruzione delle auto è un effetto collaterale inevitabile.
Il lavoro statistico di Insure the Gap ha chiarito che rottami nono diventati ben 1.800 veicoli, per un danno di oltre un miliardo di dollari. Naturalmente nel computo delle distruzioni non ci sono solo i veicoli che si vedono nelle tante scene adrenalitiche dei film.

Infatti c’è un intero parco auto utilizzato per le riprese e per le repliche delle azioni.
Infatti sembra che per i film, per ogni auto che entra in scena nel film, ci sono almeno 5 copie identiche pronte ad essere demolite, incendiate o distrutte.

Film per film, una miriade di auto distrutte

È stato ScreenRant, periodico del settore a stabilire film per film il numero di auto distrutte durante le riprese. In Fast & Furious sono state 78 auto distrutte, in 2 Fast 2 Furious sono state 130 auto ad essere distrutte. Nel terzo capitolo, The Fast & the Furious – Tokyo Drift sono state demolite 249 auto, in Fast & Furious – Solo parti originali 190 auto, in Fast & Furious 5, 260, in Fast & Furious 6, 350 auto, in Fast & Furious 7, 230 auto e in Fast & Furious 8, 300.

E nel nono film, che doveva uscire nel 2021 ma che a causa del Covid è in ritardo come uscita, ci saranno altre distruzioni.
Le auto di Fast & Furious che possono essere riparate spesso hanno pure mercato e vengono rivendute. Per esempio un collezionista ha comperato la Saleen Mustang che viene schiacciata da un enorme camion nel secondo capitolo della saga.

Negli anni anche le auto utilizzate nei film sono cambiate radicalmente, partendo da auto prettamente da corsa, sia italiane che straniere, di cui erano pieni i primi 3 film della serie, ad auto anche d’epoca e assolute super car degli altri 5.
Super car di un valore enorme che hanno fatto lievitare il costo dei danni che la nota compagnia assicurativa inglese ha confermato. Solo a titolo di esempio, c’è l’auto che vola da un grattacielo di Abu Dhabi finendo in quello di fronte è un veicolo da 3,5 milioni di dollari, un WMotors Lykan Hypersport.
E durante gli 8 film numerose volte è finita distrutta la Dodge Charger R/T del 1970, auto che ha legato indissolubilmente il proprio nome alla saga intera e alla figura del protagonista Vin Diesel.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento