in

I concessionari dei marchi Citroën, DS, Peugeot e Opel hanno citato in giudizio Stellantis Netherlands

Le associazioni di concessionari dei marchi Citroën, DS, Peugeot e Opel hanno citato in giudizio Stellantis Netherlands

fca psa stellantis

Le associazioni di concessionari dei marchi Citroën, DS, Peugeot e Opel hanno citato in giudizio Stellantis Netherlands. Ritengono che il loro importatore / produttore debba applicare il Franchise Act al rapporto con i concessionari. Bovag si unisce a questo caso. Lo riferiscono le organizzazioni.

Le associazioni dei rivenditori sostengono che i contratti dei concessionari e i contratti per i riparatori autorizzati rientrano nel Franchise Act adottato lo scorso anno. “Quando gli viene chiesto, gli importatori di Citroën, DS, Peugeot e Opel lo negano esplicitamente. Dal momento che questi importatori si attengono alla loro posizione e non vogliono applicare il Franchise Act ai loro rapporti con i concessionari, il che significa che i concessionari perdono la protezione obbligatoria del Franchise Act, abbiamo solo una possibilità per i giudici. ”

Le associazioni richiedono una cosiddetta “dichiarazione legale” che il contratto di concessione è un contratto di franchising. Le associazioni dei concessionari sperano, e si aspettano, che il tribunale decida che un contratto di concessionario come quello di Citroën, DS, Peugeot e Opel deve essere incluso nel Franchise Act. Gli importatori interessati dovranno quindi rispettare la legge sul franchising nei loro rapporti con i rivenditori in conformità con la legislazione olandese.

Bovag sostiene le associazioni di rivenditori. “Decisioni importanti vengono sempre più prese e applicate unilateralmente dal produttore senza tener conto dei legittimi interessi dei concessionari. Ciò rende sempre più difficile – e in alcuni casi addirittura impossibile – per i concessionari continuare a operare in modo redditizio”, scrive Bovag in un commento. Stellantis riferisce attraverso il portavoce Ellis Blasé di aver preso atto del procedimento, ma che al momento non vuole commentare.

Ti potrebbe interessare: Stellantis Melfi: preoccupazione anche per l’indotto, la Ugl monitora la situazione

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI