in

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022 portano l’architettura body-on-frame a un nuovo livello

La nuova versione della piattaforma DT di Ram promette una maggior robustezza

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022 architettura body-on-frame

L’arrivo sul mercato della nuova generazione di Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer ha riportato l’iconico nome attraverso un sub-brand autonomo. Entrambi basati sulla piattaforma DT di Ram, i due SUV promettono di portare l’architettura body-on-frame a un livello superiore grazie ai tantissimi miglioramenti apportati e soprattutto ai materiali utilizzati di qualità premium.

Prima di presentare i nuovi Wagoneer e Grand Wagoneer, la casa automobilistica americana ha svelato la nuova Grand Cherokee L, il primo SUV a tre file dell’azienda ad indossare il badge Grand Cherokee. Questo modello ha abbandonato la vecchia piattaforma di origine Mercedes per una versione più recente sviluppata da Alfa Romeo e utilizzata per Giulia e Stelvio, la Giorgio.

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022 architettura body-on-frame
Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022 architettura body-on-frame

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022: i due nuovi SUV usano una versione migliorata della piattaforma DT di Ram

L’uso di questa architettura dovrebbe migliorare notevolmente le dinamiche di guida della nuova Grand Cherokee L e, considerando che Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022 sono molto simili a livello estetico al SUV di medie dimensioni e il loro passo è più lungo di circa 5 cm, alcuni potrebbero pensare che condividono lo stesso pianale.

Tuttavia, entrambi i Wagoneer di nuova generazione sono basati su una versione migliorata della piattaforma DT costruita in America che ha debuttato per la prima volta nel 2018 con il Ram 1500 di quinta generazione. Questo significa che, a differenza della nuova Grand Cherokee L, il SUV full-size dispongono di una costruzione body-on-frame.

Nonostante ciò, troviamo a bordo diverse tecnologie come ad esempio delle sospensioni pneumatiche Quadri-Lift e tre sistemi di trazione integrale 4×4, oltre ad alcuni dettagli esterni molto simili. Rispetto al telaio unibody, questa tipologia di costruzione però porta con sé alcuni svantaggi come ad esempio maggior peso, manovrabilità inferiore e meno sicurezza.

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022 architettura body-on-frame

La piattaforma è stata modificata da Jeep per renderla più robusta e adatta ai SUV

Jeep afferma però che la piattaforma è stata modificata per rafforzare prestazioni, sicurezza, affidabilità e riduzione del peso complessivo. Gli ingegneri della casa automobilistica statunitense hanno realizzato il telaio in gran parte in acciaio ad alta resistenza. Inoltre, per ridurre il peso ed ottenere una struttura più forte e ben bilanciata, il brand di Stellantis ha usato delle chiusure in alluminio ad alta resistenza per la carrozzeria, inclusi cofano, porte e portellone posteriore.

Queste soluzioni sono state utilizzate anche sui pick-up Ram in quanto abbiamo cofano, portelloni, supporti motore e bracci di controllo inferiori in alluminio per ridurre il peso senza compromettere la durabilità.

Per migliorare la sicurezza, i nuovi Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer dispongono di blocca pneumatici in acciaio ad alta resistenza montati sul telaio proprio dietro le gomme anteriori con lo scopo di forzare le ruote verso l’esterno in caso di impatto. Inoltre, il telaio body-on-frame utilizza alcune componenti saldati a doppia saldatura sia all’interno che all’esterno per una maggiore durata e rigidità al rotolamento.

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022 architettura body-on-frame

Gli ingegneri hanno lavorato per migliorare la dinamica di guida

Con l’obiettivo di assicurare una migliore dinamica di guida rispetto ai pick-up di Ram, sia il Wagoneer che il Grand Wagoneer 2022 dispongono di sospensioni completamente indipendenti. Sulla parte frontale troviamo un doppio braccio oscillante che combina bracci di controllo superiori leggeri con bracci di controllo inferiori in alluminio. Jeep afferma che la loro geometria è stata ottimizzata per una migliore manovrabilità.

Nella parte posteriore, invece, i due SUV full-size utilizzano delle sospensioni multi-link con molle elicoidali in modo da assicurare una migliore articolazione e una guida più fluida. Tutti gli allestimenti del Jeep Wagoneer 2022 propongono ammortizzatori standard sia anteriormente che posteriormente mentre il Jeep Grand Wagoneer 2022 è dotato di ammortizzatori semi-attivi a controllo elettronico vista la presenza del sistema di sospensioni pneumatiche Quadra Lift.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento