in

No, la Citroën Ami non è un’auto: occhio alla bufala

Attenzione alle fake news in alcuni siti Internet, riprese da altri

la Citroën Ami non è un’auto

Va forte una fake news: la Citroën Ami è un’auto. Non era e non è neppure una concept car: un’auto prototipo. No, in realtà la Citroën Ami non è un’auto.

Occhio alle bufale in alcuni siti Internet, riprese da altri. La Ami è un quadriciclo leggero.

Infatti, per guidare l’auto serve la patente B. E quindi devi avere 18 anni. Invece, per guidare la Citroën Ami e un qualsiasi quadriciclo leggero serve avere minimo 14 anni, con l’unico vincolo di aver conseguito il certificato di idoneità patente AM (il patentino per motori inferiori a 50 cm3).

Lo compri. O o prendi in leasing. Anticipo, canone, guidi il mezzo: vedi qui. Se ti piace, alla fine versi il riscatto. Per coloro che hanno un’esigenza permanente, che siano privati o professionisti, e vogliano il primo, secondo o terzo veicolo della famiglia è prevista un’offerta di leasing con canoni mensili variabili da 12 a 48 mesi.

La direttiva 2006/126/CE, recepita in Italia con il decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59, stabilisce, all’art. 4, comma 2, che con la patente di guida della categoria AM e possibile condurre, tra gli altri, anche i quadricicli leggeri “come definiti dall’art. 1, paragrafo 3, della direttiva 2002/24/CE” e, cioè, quadricicli leggeri, la cui massa a vuoto è inferiore o pari a 350 kg (categoria L6e), esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici, la cui velocità massima per costruzione è inferiore o uguale a 45 km/h e:

  1. la cui cilindrata del motore è inferiore o pari a 50 cm3 per i motori ad accensione comandata;
  2. e la cui potenza massima netta è inferiore o uguale a 4 kW per gli altri motori, a combustione interna; o
  3. infine la cui potenza nominale continua massima è inferiore o uguale a 4 kW per i motori elettrici.
Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento