in

La posizione di Lancia come brand premium apre buone prospettive

Napolitano anticipa le linee che Lancia seguirà per il suo rilancio come brand premium di Stellantis

Lancia logo

È troppo presto per parlare di piani, ma il nuovo amministratore delegato di Lancia Luca Napolitano chiarisce subito il panorama, anticipando qualche idea in un’intervista alla stampa italiana a margine della rinnovata Ypsilon. Esprime le proprie speranze per lo sviluppo del marchio che è stato posto da Stellantis nel segmento dei marchi premium, parla della sua posizione rispetto ad Alfa Romeo e DS, che in questo campo l’azienda auspica un possibile nuovo modello nella piccola e media categoria , sulla piattaforma CMP e rivela importanti sinergie con gli altri due brand per delineare una nuova serie di piani che va ben oltre i best seller di oggi.

La posizione di Lancia come Premium garantisce buone prospettive

Insomma, sebbene Ypsilon sia reduce dal restyling e sia stata attrezzata per mantenere la sua posizione ancora un po ‘, il futuro dell’azienda sembra seguire la gamma modulare del gruppo con modelli diversi e più grandi. Per dare una base realistica a questo piano, il capo di Stellantis, Carlos Tavares e i suoi “ufficiali” stanno scommettendo sullo sviluppo del marchio con nuove strategie. Lo stesso Napolitano ne ha colto il senso. “Lancia ha finalmente un capo nel gruppo ed è tra i top brand di Stellantis, il che è un segnale di intenzioni molto forte. In combinazione con il fatto che il marchio non è chiaramente focalizzato sull’odierna Ypsilon, poiché sarebbe stato incluso nel cluster “core”, insieme a Citroën e Fiat,

Clienti mirati

L’amministratore delegato, ex capo del marchio Fiat nella regione EMEA, afferma di essersi innamorato di queste prospettive. “Sono un appassionato di auto e poi ho lavorato alla Lancia. Quindi ho molte idee, che non posso ancora rivelare. Quello che posso dire è che il cliente di domani non sarà la semplice evoluzione del cliente di oggi.”

“Semplificando, oggi il 75% sono donne e acquistano auto sotto i quattro metri. Se consideriamo che il 10% di loro cambia auto ogni anno e la metà di loro è fedele al marchio Lancia, è chiaro che si tratta di un’eredità che non va persa. Ma capiamo che il cliente del marchio che immaginiamo – rispettato nel mercato premium – sarà in parte diverso ”. Un pubblico da studiare, secondo Napolitano “bisognerà capire le loro aspettative e vedere come potranno essere soddisfatte. E questo “, prosegue,” inciderà sulla posizione dei prodotti futuri “.

Oltre il confine italiano

Dal punto di vista geografico, oggi Lancia non valica neanche le Alpi. L’obiettivo, però, partendo dall’Italia, dove ha le sue radici, è cercare di cogliere queste opportunità oltre i confini del Paese. “Non è vero”, dice l’amministratore delegato, “che nessuno conosce Lancia all’estero, ci sono mercati in cui ha fatto molto bene, ad esempio Francia, Belgio, Grecia e dove è riconosciuta. I francesi in particolare hanno un’immagine molto positiva del marchio.

I valori senza tempo di Lancia

Naturalmente, l’ambito più ampio riguarda non solo la distribuzione geografica o la tipologia di clienti, ma anche il portafoglio prodotti. E se Napolitano spera che Ypsilon trovi un discendente, sottolinea in particolare le opportunità sinergiche all’interno del mercato premium. “Se ci posizioniamo accanto ad Alfa Romeo e DS, faremo qualcosa con loro. E se guardiamo alle rispettive posizioni, credo che Lancia possa facilmente trovare la propria. Ora, semplificando, se Alfa Romeo è sinonimo di prestazioni e carattere sportivo, mentre la DS, la Louis Vuitton dell’auto, per noi certamente eleganza, stile italiano senza tempo e innovazione tecnologica sono i valori del marchio più rilevanti.

La piattaforma CMP flessibile

Sull’utilizzo delle piattaforme che includono, come ricordiamo, la Giorgio su cui sono costruite Alfa Romeo Giulia e Stelvio – Napolitano elogia la CMP dell’ex gruppo PSA. “Oggi su di essa nascono 208, la Corsa, e poi la DS 3, la Mokka e la 2008. Si tratta di cinque vetture che, per motivi diversi, sono molto apprezzate dal mercato. Se vedo opportunità per Lancia? Certo che si. Successivamente, vedremo come possiamo interpretare questo problema, una berlina più tradizionale o un crossover da costruire? Così come l’orizzonte temporale. “È meglio fare le cose bene che fare qualcosa in fretta”, ha detto il dirigente.

Alla domanda su una versione elettrica della Ypsilon, che utilizzerà la piattaforma della nuova Fiat 500, Napolitano ha risposto “L’elettricità è un percorso che tutti seguiamo. Ma più della nuova 500, sarei interessato all’architettura francese CMP nella versione per EV.

Ti potrebbe interessare: Nuova Lancia Ypsilon presentata alla stampa da Luca Napolitano

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento