in

Il 16% delle Citroën C4 attualmente prodotte in Spagna sono elettriche

La ë-C4 rappresenta già il 16% delle C4 prodotte nello stabilimento di Madrid

Nuove Citroën C4 e-C4 gennaio offerte vantaggiose
Nuove Citroën C4 e-C4 gennaio offerte vantaggiose

La terza generazione della C4, l’ammiraglia compatta di Citroën, è prodotta esclusivamente nello stabilimento di proprietà del gruppo Stellantis a Villaverde. Il nuovo modello ha una versione 100% elettrica, denominata ë-C4, che rappresenta già il 16% delle C4 prodotte nello stabilimento di Madrid, una percentuale che probabilmente aumenterà solo in futuro.

La ë-C4 rappresenta già il 16% delle C4 prodotte nello stabilimento di Madrid

La Citroën ë-C4, nonostante sia definita dal marchio stesso come una berlina di segmento C, si differenzia dalle rivali per un’estetica crossover in cui spiccano l’altezza da terra elevata e le protezioni in plastica sui gradini. Il veicolo utilizza la piattaforma modulare eCMP di Stellantis, già vista in modelli come Peugeot e-208 o Opel Mokka-e.

Il suo motore di origine continentale offre una potenza di 136 CV (100 kW) e 260 Nm di coppia, mentre la sua batteria da 50 kWh con raffreddamento a liquido gli conferisce un’autonomia omologata di 350 km nel ciclo europeo WLTP . Questa cifra, superiore a quella del resto delle auto elettriche Stellantis sedute sulla piattaforma eCMP, è ottenuta grazie ad un’aerodinamica molto attenta.

La ë-C4 è in grado di percorrere da 0 a 100 km / h in 9,7 secondi, con una velocità massima di 150 km / h. Può caricare a una potenza di 7,4 kW in corrente alternata (0-100% in 7,5 ore), sebbene sia possibile aggiungere un caricabatterie opzionale da 11 kW (0-100% in 5 ore). In corrente continua, da parte sua, raggiunge un massimo di 100 kW (0-80% in 30 minuti).

Ti potrebbe interessare: Citroën celebra i 143 anni dalla nascita del fondatore André Citroën

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI