in

I i semiconduttori mancanti ostacolano la produzione Opel a Eisenach

Opel: rallenta la produzione presso il sito produttivo di Eisenach in Germania a causa della carenza di semiconduttori

Opel Eisenach
Opel Eisenach

I semiconduttori mancanti rallentano la casa automobilistica Opel nello stabilimento di Eisenach. Secondo le informazioni di MDR THÜRINGEN, la casa automobilistica ha quindi in programma di ridurre la produzione da giovedì. Questo rallentamento dovrebbe iniziare con l’ultimo turno di giovedì.

I semiconduttori mancanti rallentano Opel nello stabilimento di Eisenach

È stato richiesto una riduzione della produzione, ha confermato giovedì un portavoce Opel su richiesta presso la sede di Rüsselsheim: “I nostri piani includono attualmente questa settimana”. Ogni giorno saranno prese ulteriori decisioni sulla produzione, a seconda della disponibilità delle parti.

La ragione di ciò è la mancanza di centraline per airbag. Inizialmente, la Volkswagen si è lamentata del problema e altri produttori hanno seguito poco dopo.  La Opel / Vauxhall Grandland X, comprese le varianti ibride plug-in, è attualmente in produzione a Eisenach. Non si sa quanti dipendenti a Eisenach abbiano un lavoro a tempo ridotto.

La carenza di semiconduttori ha recentemente colpito numerosi produttori e fornitori di automobili. Con i produttori di componenti IT, la domanda dell’industria automobilistica era aumentata per anni, ma poi è crollata con la crisi causata dal Coronavirus. I produttori di chip hanno trovato rapidamente nuovi clienti, ad esempio nell’elettronica di intrattenimento. Questo però adesso sta causando problemi alle fabbriche di auto.

Ti potrebbe interessare: Opel a Eisenach importante cambio della guardia

Opel
Opel: rallenta la produzione presso il sito produttivo di Eisenach in Germania a causa della carenza di semiconduttori

Ti potrebbe interessare: Opel: la gamma elettrica assicura prestazioni, grande autonomia e ricarica facile

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento