in

Il venerabile nome Chrysler scompare a Detroit

La scorsa settimana il nome Chrysler è ufficialmente scomparso a Detroit, almeno come titolo aziendale

Chrysler
Chrysler

Per quasi 100 anni, Chrysler ha regnato tra le leggendarie case automobilistiche di Detroit. Questo nome è stato utilizzato per grandi auto lussuose come l’Airflow, un elegante esperimento in aerodinamica, l’Imperial, una nave da crociera su ruote e il Cordoba, con i suoi sedili pubblicizzati in “pregiata pelle corinzia” (il materiale proveniva effettivamente dal New Jersey).

La scorsa settimana il nome Chrysler è ufficialmente scomparso a Detroit, almeno come titolo aziendale

Chrysler è stata così importante per la scena automobilistica che è stata salvata più volte, grazie alla determinazione del suo presidente Lee Iacocca, l’assistenza del Congresso e il supporto di diversi presidenti. La sua scuderia di SUV Jeep e pickup Dodge ne ha fatto una leggendaria macchina da profitto della fine del XX secolo. Ma la scorsa settimana, il nome Chrysler è ufficialmente scomparso a Detroit, almeno come titolo aziendale.

Il proprietario più recente di Chrysler, Fiat Chrysler Automobiles, si è fuso con il Groupe PSA, meglio conosciuto come il genitore di Peugeot. Il nuovo gruppo che comprende 14 marchi diversi, ha cambiato il suo nome in Stellantis, tratto dalla parola latina “stello”, che significa “illuminare di stelle”. Una nuova insegna è stata svelata senza molto clamore presso l’ex quartier generale della Chrysler ad Auburn Hills, Michigan, poco notato se non dalle telecamere locali.

Una dozzina di anni fa, Chrysler era un nome così significativo che nessuno avrebbe pensato di poterne fare a meno. Sì, l’azienda è quasi fallita più volte, ma almeno sarebbe stata sepolta con il suo nome. Gli acquirenti di auto di oggi non sono influenzati dalla leggenda di Iacocca o dalla storia leggendaria testimoniata solo dai loro nonni.

Né il patrimonio aziendale conta molto per le aziende globali i cui proprietari si sforzano di competere nell’arena delle automobili ad alta tecnologia. Gli amanti del rischio sono disposti a scommettere su un’azienda di 13 anni come Tesla perché offre qualcosa di eccitante e nuovo, un collegamento al futuro, ma non guardano al passato.

Ciò contrasta nettamente con i tempi, non molto tempo fa, quando l’auto nel vialetto era un messaggio inviato al mondo esterno sulle persone che vivevano all’interno della casa. Da parte sua, Chrysler ha significato cose diverse in tempi diversi.

È stata sinonimo di velocità e stile. Dopo il primo di tre salvataggi federali in un arco di 30 anni, gli acquirenti hanno mostrato fiducia nel suo ritorno. Quando è tornata in piedi, la gente ha corso un rischio puntando su auto innovative come la piccola PT Cruiser, che sembrava un mash-up di una vecchia auto e una moderna station wagon.

Una volta passata sotto l’ala della Fiat, Chrysler è stata ufficialmente ridotta a una singola lettera nel nome dell’azienda. Ora però nemmeno più quello. Se Chrysler una volta era considerato un marchio abbastanza prezioso per mantenere in vita la sua denominazione, i francesi non sembrano così sentimentali. L’angosciato Frank B. Rhodes, pronipote del fondatore dell’azienda Walter P. Chrysler, ha cercato invano di fermare l’acquisizione con una causa a dicembre, avvertendo che anche altri marchi tradizionali americani potrebbero fare la stessa fine.

Ti potrebbe interessare: Il sindaco di Detroit vuole che i Big Three si impegnino per avere il NAIAS a Motor City nel 2022

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento