in

Dodge Demon: Class Action contro FCA per un grave problema

Una Class Action su Dodge Demon afferma che le Dodge Challenger SRT Demon del 2018 in California sono dotate di prese d’aria sul cofano che si deformano

Una Class Action su Dodge Demon afferma che le Dodge Challenger SRT Demon del 2018 in California sono dotate di prese d’aria sul cofano che si deformano e portano a riparazioni che fanno perdere valore alle auto. Ma gli avvocati di Fiat Chrysler (FCA USA) sostengono che la class action non riguarda nient’altro che una questione di design sul cofano.

La causa per il difetto di Dodge Demon è stata intentata dal proprietario di un modello del 2018 che afferma di aver pagato più di $ 166.000 per un’auto pubblicizzata come avente 840 cavalli. Ma il proprietario dice che per ottenere quella potenza ha dovuto pagare $ 250 per avere componenti installati sulla sua Dodge Demon.

Secondo la class action, il Dodge Demon aveva 808 cavalli di potenza quando l’attore ricevette una “cassa” da Fiat Chrysler con i componenti che dovevano essere installati per raggiungere gli 840 cavalli. Inoltre, l’attore afferma di essere rimasto sorpreso di apprendere che l’unico modo per raggiungere 840 cavalli era usare carburante da corsa.

Inoltre dopo 20 miglia dalla prima guida del Demon, la paletta del cofano si sarebbe deformata, quindi l’attore dice di aver contattato la concessionaria per segnalare il presunto difetto e determinare se c’era una riparazione da effettuare in garanzia. Secondo la class action su Dodge Demon, circa un anno dopo l’attore venne a conoscenza del bollettino di servizio tecnico 23-033-19 emesso ai concessionari Chrysler per quanto riguarda le prese d’aria del cofano.

Il TSB dice che i proprietari di Dodge Demon potrebbero lamentarsi del fatto che “la cornice del cofano si deforma e, in alcuni casi, scheggia la vernice sui lati e sugli angoli dell’apertura della cornice del cofano”. Ai concessionari Chrysler è stato detto di sostituire la cornice del cofano, ispezionare il cofano per danni alla vernice e, se necessario, rifinire l’intero cofano.

La sua paletta del cofano del Dodge Demon è stata riparata, ma il querelante sostiene che la vernice e la finitura erano diverse e che è stato installato un inserto diverso per la paletta del cofano. Il proprietario dice anche che è chiaro che sono stati praticati numerosi fori nel cofano.

La class action sostiene inoltre che l’inserto della paletta del cofano ha iniziato a piegarsi entro una settimana e il querelante dice che deve spingere l’inserto in posizione ogni volta che guida la sua Dodge Demon.

La casa automobilistica presumibilmente ha nascosto i difetti nelle prese d’aria del cofano che causano deformazioni, cedimenti e rigonfiamenti. Quindi provare a riparare il cofano causa presumibilmente ancora più danni e problemi evidenti con la vernice e la finitura.

In una mozione per archiviare la causa, Fiat Chrysler sostiene che l’intera azione collettiva riguarda una questione estetica e nient’altro. FCA afferma che l’attore ammette che al momento in cui ha intentato un’azione legale collettiva, Fiat Chrysler si stava offrendo di riparare la paletta del cofano gratuitamente, ma il proprietario ha rifiutato perché un primo tentativo di riparazione presumibilmente non ha funzionato.

Gli avvocati della FCA affermano che l’attore sostiene che la potenza è stata travisata, ma ammette anche che la sua Dodge Demon può funzionare a 840 cavalli se utilizza i componenti extra che gli sono stati forniti e utilizza il tipo di carburante necessario. Secondo Chrysler, questo significa che l’attore non ha alcuna pretesa plausibile.

Chrysler sostiene inoltre che non c’è una sola accusa nella causa legale di azione collettiva Demon che afferma che qualsiasi presunto problema sul cofano abbia un impatto sull’uso dell’auto.

Ti potrebbe interessare: Dodge Challenger Electric SUV: ecco come sarebbe

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento