in

Alfa Romeo GT Junior: un esemplare venduto a prezzo record

Un’Alfa Romeo GT Junior è stata venduta per £ 50.000, battendo il record mondiale d’asta per questo modello

Alfa Romeo GT Junior
Alfa Romeo GT Junior

Un’Alfa Romeo GT Junior è stata venduta per £ 50.000, battendo il record mondiale d’asta per questo modello. L’elegante coupé classica, originariamente esportata in Australia nel 1971, ha attirato 261 offerte durante una vendita online di sette giorni. Il prezzo record è un’ulteriore prova di un mercato delle auto da collezione in buona salute, che finora ha resistito allo strisciante malessere provococato da Covid-19. Le aste online in particolare stanno esplodendo, come ha rivelato il mese scorso Tom Wood, CEO di Car & Classic.

Ironia della sorte, Alfa Romeo GT Junior è stata concepita come un modello economico per entrare in possesso dell’Alfa Romeo. Lanciato nel 1965, ha sostituito il motore 1,6 litri da 109 CV della Giulia Sprint Veloce con un 1.3 da 90 CV con due carburatori e due camme. Questa vettura era particolarmente apprezzata in Italia, dove il regime fiscale penalizzava i motori più grandi.

Le prestazioni erano costanti (0-100 km orari in 12,6 secondi), ma la fluidità di guida della GT Junior, unita a un cambio dolce e un telaio bilanciato con trazione posteriore, la rendeva meravigliosamente coinvolgente da guidare.

La caratteristica più distintiva di Alfa Romeo GT Junior era la presenza di una sorta di scalino, con il bordo anteriore del cofano che si trova a 10 mm dalla carrozzeria. Le auto successive, come questa, hanno un frontale a filo.

Anche i passaruota svasati, una linea del tetto fluente e una coda Kamm tagliata suggeriscono una sottile sportività, mentre i cerchi in lega Alfaholics da 15 pollici dall’aspetto d’epoca montate qui sono semplicemente stupende.

Altre modifiche per questa particolare GT Junior includono il montaggio di un motore da 1.750 cc (utilizzato nella GT Veloce standard del 1967) con nuovi carburatori Weber, filtri Pipercross e accensione elettronica.

La sospensione potenziata utilizza ammortizzatori Koni e molle ribassate da 40 mm, mentre i freni sono stati rinforzati con una scatola di bilanciamento a doppio circuito.

L’auto è per il resto standard, ma restaurata in condizioni quasi da concorso. Dopo una riverniciatura a guscio nudo con vernici Glasurit, ogni parte cromata è stata rivestita o sostituita, con ogni guarnizione in gomma anch’essa nuova. Sicuro di dire, questa Alfa Romeo è migliore di quando ha lasciato la fabbrica (e certamente meno probabile che arrugginisca).

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo: produzione ancora in calo a Cassino, ecco i dati del 2020

 

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI