in

Dodge Charger: in vendita un clone del Generale Lee a 80.000 dollari

La muscle car si presenta in ottime condizioni e ha percorso circa 79.000 km

Dodge Charger clone Generale Lee

Molte auto americane si sono fatte un nome in film e serie TV. È il caso della Ford Mustang famosa per i nomi Bullit ed Eleanor, della Pontiac Firebird Trans Am conosciuta come KITT e della DeLorean utilizzata come macchina del tempo in Ritorno al futuro. C’è anche la famosissima Dodge Charger del 1969 usata nella serie TV Hazzard con il nome di Generale Lee.

Si tratta di una vettura dipinta in arancione che sfoggia il numero 01 sui lati e la bandiera confederata sul tetto. All’inizio di quest’anno, inoltre, il Generale Lee è stato nominato Most Popular 80s TV Series Car da TrackDays nel Regno Unito.

Dodge Charger clone Generale Lee
Dodge Charger R/T interni

Dodge Charger: un clone del Generale Lee sta cercando una nuova casa

Questa particolare Charger è stata oggetto di alcune controversie su Internet che ha coinvolto la bandiera confederata. Nel corso degli anni, sono apparsi numerosi cloni del Generale Lee, sono stati creati render e addirittura qualche giorno fa abbiamo parlato di una Challenger reale che ha riproposto una versione moderna della popolare vettura.

Mentre mancano poche ore al termine di questo 2020, è comparso su Internet un altro clone. Basata su una Dodge Charger R/T del 1969, questa copia somiglia parecchio all’auto reale. I colori, le decalcomanie e la bandiera confederata ci sono e anche i cerchi sembrano corrispondere a quelli del modello protagonista in Hazzard.

Conosciamo anche il motore presente sotto il cofano di questa Charger R/T. Si tratta di un V8 383ci da 6.3 litri abbinato a una trasmissione automatica. Secondo il venditore, la vettura ha percorso fino ad ora 78.638 km. Per quanto riguarda il prezzo, è possibile portarsi a casa questo clone del Generale Lee pagando 79.900 dollari (65.071 euro).

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI