in

Il pronipote di Chrysler è preoccupato per il destino della casa automobilistica

Frank Rhodes Jr. pronipote del fondatore di Chrysler è preoccupato per il futuro del marchio automobilistico americano

Chrysler
Chrysler

Frank Rhodes Jr. pronipote del fondatore di Chrysler è preoccupato per il futuro del marchio automobilistico americano. Il piano per creare “Stellantis” dalla fusione del gruppo Peugeot PSA e Fiat Chrysler Automobiles il prossimo anno solleva interrogativi, in particolare sul fatto che i veicoli continueranno a portare il marchio negli anni a venire.

Le sue preoccupazioni arrivano anche se il futuro CEO della società risultante dalla fusione ha fatto commenti sottolineando il valore dei marchi automobilistici. Rhodes, un produttore di mobili di 62 anni del Maryland, è un fan di Chrysler, dopotutto. Guida una Chrysler 300 del 2018 e sua moglie, Susan, ha una Chrysler Pacifica del 2018. Ma l’interesse di Rhodes va più in profondità di qualcuno con un marchio automobilistico preferito. Il suo bisnonno era Walter P. Chrysler, un pioniere automobilistico e la Chrysler dietro quel marchio.

Rhodes vuole assicurarsi che il nome sopravviva sulla strada. “Ho intenzione di combattere … il più duramente possibile per salvare il marchio”, ha detto Rhodes. Ha inviato, tramite il suo account, centinaia di lettere a leader aziendali, politici, chiunque possa portare il messaggio che sta cercando di trasmettere, che il marchio Chrysler ha valore e dovrebbe essere preservato. È preoccupato che con un numero così limitato di modelli, fondamentalmente un minivan e le sue varianti e la berlina 300,  siano contati i giorni del marchio in quella che sarebbe diventata la quarta casa automobilistica del mondo.

Rhodes è anche preoccupato che Stellantis, con un consiglio di amministrazione inclinato a favore di PSA, che fornirà anche il massimo funzionario della società all’entità risultante dalla fusione, sarà più preoccupato di preservare i suoi marchi e posti di lavoro francesi rispetto a quelli negli Stati Uniti. La casa automobilistica Dongfeng Motor manterrà anche una piccola partecipazione nella nuova società, sebbene ridotta rispetto a quella che aveva nel gruppo PSA, dando a un’azienda cinese un pezzo di diversi marchi americani iconici e sollevando potenziali problemi di sicurezza nazionale, secondo Rhodes.

Ti potrebbe interessare: American Axle fornisce AWD avanzato per Chrysler Pacifica

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento