in

Ferrari ha resistito piuttosto bene alla crisi

Ecco il segreto della Ferrari che nonostante la pandemia ha resistito molto bene a differenza di molti dei suoi rivali

Ferrari
Ferrari

Nel mondo delle auto di lusso ci sono non pochi marchi prestigiosi, ma quelli che hanno saputo affrontare la crisi sanitaria causata dal coronavirus senza troppi danni lo sono molto meno. Di fronte alla tempesta Covid, Ferrari e Porsche hanno dimostrato la qualità del loro comportamento anche in caso di emergenza, mentre la maggior parte dei loro concorrenti, soprattutto anglosassoni, sono stati costretti a tagliare la produzione per non affondare.

Nella nicchia delle “supercar”, come concordano tutti gli osservatori, la Ferrari è un giocatore a parte. “È l’unico costruttore valido e indipendente, sottolinea Philippe Houchois, analista di Jefferies. Il resto è controllato da grandi gruppi. Il marchio del cavallino rampante ha costruito il suo successo su un modello che il coronavirus ha appena scosso.

Presentati all’inizio di novembre, i risultati del terzo trimestre mostrano che l’interruzione della produzione per sette settimane in primavera è stata ben digerita dalla Ferrari. Il calo delle spedizioni su tre mesi è stato solo del 6,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e l’utile netto è addirittura aumentato dell’1% a 171 milioni di euro. Dati che hanno superato le aspettative degli analisti e che hanno portato il brand a rivedere al rialzo le previsioni annuali.

Questo successo è dovuto a una reputazione senza pari in tutto il mondo, ma anche alla capacità di rilasciare regolarmente nuovi modelli per mantenere l’interesse dei clienti (non meno di quattro quest’anno). “In questo segmento, la durata di vita di un modello è di quattro anni, contro i sette di un’automobile classica”, ricorda Philippe Houchois.

L’azienda di Maranello ha la forza finanziaria per tenere il passo, laddove altri concorrenti come Bentley o Aston Martin, non riuscendo ad ampliare sufficientemente la propria gamma, sono dovuti ricorrere ad una riduzione della produzione. E se gli acquirenti vogliono soprattutto divertirsi, possono anche pensare di fare un buon investimento. “Le loro auto mantengono una valutazione molto buona, le persone le vendono relativamente bene”, afferma Fabien Ribot, direttore di CMS, una società specializzata nel leasing di veicoli di lusso di seconda mano.

Per soddisfare questa forte richiesta, Ferrari mette i propri clienti in lista d’attesa. “Questo viene gestito con la massima cura”, riferisce Philippe Houchois. Deve essere abbastanza lungo da garantire che il modello non debba attendere mesi presso una concessionaria, ma senza che i ritardi alla fine scoraggino gli acquirenti. ”

Ti potrebbe interessare: Ferrari SF90 Stradale percorre fino a 1115 km con un pieno di benzina

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento