in

Opel riduce i suoi profitti in Spagna del 37%

Opel ha ottenuto un utile netto di 69,9 milioni di euro in Spagna nel 2019, il 37,5% in meno dello scorso anno

Opel
Opel

Opel, casa automobilistica che appartiene al gruppo PSA, ha ottenuto un utile netto di 69,9 milioni di euro in Spagna nel 2019, il 37,5% in meno rispetto ai 111,9 milioni di euro è guadagnato l’anno scorso secondo i conti annuali. Il documento, fornito da Infoempresa, afferma che il fatturato di Opel sul mercato spagnolo è sceso dello 0,9% , dai 5.182 milioni di euro che era entrato nel 2018 ai 5.137 milioni dello scorso anno.

Tra gli altri dati, il risultato operativo dell’azienda tedesca si è attestato a 88,84 milioni di euro nel 2019, il 10% in meno rispetto ai 99,08 milioni ottenuti nell’anno precedente. Anche l’utile ante imposte è stato inferiore dell’8,3%, attestandosi a 87,2 milioni di euro.

Da parte sua, il volume di produzione di Opel in Spagna è aumentato del 5% nel 2019, attestandosi a 470.000 unità rispetto alle 448.000 unità dell’anno precedente , la seconda cifra più alta della storia.

Come ha spiegato l’azienda, questo record di produzione, solo dietro ai dati del 2007 , è dovuto principalmente al lancio della sesta generazione della Corsa, prodotta a Figueruelas (Saragozza) , che ha raggiunto il mercato nel mese di ottobre.

Tutto questo nonostante a metà dello scorso anno Opel abbia deciso di smettere di assemblare il suo modello Mokka in Spagna. Anche così, produce veicoli in due dei tre stabilimenti che il Gruppo PSA ha nel mercato spagnolo, poiché oltre a Saragozza, dove produce Corsa e Crossland, produce anche Opel Combo a Vigo.

Per quanto riguarda la forza lavoro di Opel Spagna, alla fine del 2019 l’azienda impiegava un totale di 5.550 lavoratori, 69 dipendenti in più rispetto alla fine del 2018, quando contava 5.481 persone nelle sue fila.

L’età media dei suoi dipendenti è di 43,36 anni, che, in media, lavorano per Opel da quasi 17 anni, essendo oltre l’86% dei dipendenti a tempo indeterminato. “Al fine di adeguare la forza lavoro alle esigenze attuali, esiste un Piano di pensionamento parziale Opel Spagna incluso nel contratto collettivo. Nel corso del 2019 sono stati firmati 227 contratti di pensionamento parziale, che sono stati sostituiti da altri tanti mitigatori con contratto a tempo indeterminato”.

Per quanto riguarda le previsioni dell’azienda per il 2020, Opel sottolinea che i risultati del gruppo durante il primo trimestre di quest’anno sono stati “davvero positivi”, sebbene la crisi del coronavirus abbia causato a partire dalla metà di marzo cali del 90% nel mercato auto.

Per tutti questi motivi, il Gruppo PSA ha avviato una corsa “contro il tempo” per garantire la sicurezza dei dipendenti nei propri stabilimenti e per limitare le spese e gli esborsi senza rinunciare alla consegna di veicoli che potevano essere venduti in condizioni ottimali.

Ti potrebbe interessare: Nuova Opel Grandland: ecco quale potrebbe essere il suo aspetto

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento