in

PSA ridurrà le emissioni di CO2 dei propri stabilimenti del 20% tra il 2018 e il 2034

PSA vuole ridurre le emissioni di CO2 del 20% tra il 2018 e il 2034 e raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050

PSA Vauxhall

Il responsabile per lo sviluppo sostenibile di PSA, Karine Hillaireau ha spiegato le iniziative messe in atto dal gruppo automobilistico per ridurre l’impatto ambientale, e in particolare l’impronta di carbonio, della sua produzione.

PSA vuole ridurre le emissioni di CO2 del 20% tra il 2018 e il 2034 e raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050

“Abbiamo individuato sette macro-rischi CSR all’interno del gruppo PSA, tre dei quali relativi all’ambiente. Il primo riguarda il cambiamento climatico, con questioni relative alla riduzione delle emissioni di CO2 dai nostri veicoli, fabbriche e catena di fornitura. Sul versante industriale, vogliamo ridurre le nostre emissioni di CO2 del 20% tra il 2018 e il 2034 e raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050 al più tardi, in linea con l’accordo di Parigi” ha detto la responsabile del gruppo francese.

“La seconda parte mira a rispondere alla scarsità di risorse naturali. PSA è particolarmente impegnata a includere il 30% di materiale verde o riciclato nei veicoli. Inoltre, il 95% della massa di un’auto a fine vita è riciclabile. Il terzo punto è infine collegato alle aspettative della società in termini di salute e sicurezza e include il nostro lavoro sulla riduzione delle emissioni di componenti organiche volatili dalle nostre fabbriche, l’inquinamento acustico e degli odori e la protezione della biodiversità” ha concluso. Vedremo dunque se davvero il gruppo francese che a breve si fonderà con Fiat Chrysler Automobiles riuscirà nel suo intento.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Tonale, Maserati MC20, Fiat Tipo Cross e fusione FCA-PSA: le migliori news della settimana

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento