in ,

Diesel Euro 6d senza proroghe in Ue

Le auto a gasolio vanno modernizzate, nonostante la pandemia di coronavirus

diesel

Non c’è Covid che tenga: diesel Euro 6d senza proroghe in Ue. Prima della pandemia di coronavirus, le Case auto dovevano rispettare certe scadenze in fatto di emissioni dei motori a gasolio. Con il dramma dei contagi, le cose non cambiano: la scadenza non viene posticipata. Così ha deciso l’Ue rispetto alle istanze dei Costruttori europei. Il 1° gennaio 2021, quindi, tutti in linea, o arrivano le multe Ue, come riporta Automotive News.

Diesel Euro 6d senza proroghe in Ue: perché

La Commissione europea ha respinto la richiesta del settore automobilistico: non si rinvia l’introduzione, dal 1 gennaio 2021, del nuovo standard di omologazione per i veicoli diesel Euro 6d ISC-FCM. L’Acea (associazione Costruttori auto europei) aveva inviato la domanda al commissario Thierry Breton lo scorso luglio: una sospensione di sei mesi per le conseguenze dell’emergenza coronavirus. Dal 1° gennaio 2021 slittamento al 1° giugno 2021.

Le ragioni della richiesta Acea:

  • impossibilità di vendere 600 mila veicoli già assemblati prima dell’entrata in vigore del nuovo standard;
  • difficoltà nel riavviare l’assemblaggio di alcuni modelli;
  • rischi per i livelli occupazionali.

I motivi del no Ue all’Acea:

  • i piani di ripresa dell’Ue e di ogni singolo Stato membro aiuteranno ad agevolare gli investimenti necessari per sostenere l’industria automobilistica;
  • una rigorosa normativa ambientale è il modo migliore per promuovere la competitività e l’innovazione;
  • è anche importante garantire la fiducia dei cittadini sul fatto che l’Ue possa migliorare la loro salute e il loro ambiente.

I nuovi standard diesel: cosa sono

Ma perché serve lo standard Euro 6d ISC-FCM? Per replicare al meglio le condizioni di guida reale: consumi e inquini nella vita di tutti i giorni quasi quanto si evidenzia nelle prove teoriche sui rulli. Invece, oggi, c’è distanza fra i due dati. Un problema nato con il dieselgate nel settembre 2015.

Ci sarà un margine di errore per tenere conto di eventuali letture imprecise tramite i sistemi portatili di misurazione delle emissioni delle agenzie di controllo, almeno sino al 2023.

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento