in

Regno Unito: 1,6% in meno di vendite di nuove auto ad ottobre

Le previsioni delle vendite di nuove auto per questo 2020 sono calate di 100.000 unità

Regno Unito vendite ottobre 2020

Le immatricolazioni di nuove auto nel Regno Unito sono nuovamente diminuite ad ottobre, con un calo dell’1,6%. Queste informazioni sono state rivelate dagli ultimi dati pubblicati dalla Society of Motor Manufacturers and Traders (SMMT). In particolare, la società ha registrato 140.945 nuove vetture vendute il mese scorso. Oltre a questo, si tratta dell’ottobre più debole dal 2011.

L’arrivo di nuovi modelli e di incentivi finanziari hanno inizialmente contribuito a sostenere il mercato automobilistico britannico ma l’introduzione di un nuovo lockdown nel Galles ha contribuito a far registrare un -25,5% a fine ottobre.

Regno Unito vendite ottobre 2020
Regno Unito, questo grafico mostra le vendite di ottobre 2020 a confronto con gli anni precedenti

Regno Unito: circa 141.000 nuove auto sono state vendute ad ottobre

La debole attività delle imprese ha determinato gran parte del calo registrato il mese scorso con circa 2500 veicoli in meno che si sono aggiunti alle flotte più grandi rispetto allo stesso mese del 2019. Le immatricolazioni nel mercato dei privati, invece, hanno registrato un aumento dello 0,4%.

A metà ottobre, l’industria automobilistica si aspettava di immatricolare circa 1,66 milioni di nuove auto nel 2020. Con l’annuncio di un secondo lockdown nel Regno Unito, che includerà la chiusura delle concessionarie, le previsioni sono state modificate e abbassate di ulteriori 100.000 unità a 1,56 milioni.

Regno Unito vendite ottobre 2020

Ciò equivale a un calo complessivo di circa 750.000 immatricolazioni e una perdita di 22,5 miliardi di sterline. Secondo quanto affermato dalla SMMT, molto probabilmente il 2020 sarà l’anno più debole dal 1982. Anche se i servizi online e di consegna a casa dovrebbero aiutare a prevenire la diminuzione delle vendite registrata in primavera, non può compensare le pesanti perdite che stanno subendo i vari showroom.

Mike Hawes, amministratore delegato della SMMT, ha dichiarato: “Quando gli showroom chiudono, la domanda cala, quindi c’è il pericolo reale che con il secondo lockdown sia i concessionari che i produttori potrebbero dover affrontare una chiusura temporanea.

Hawes ha proseguito dicendo: “Ciò che non è in dubbio, tuttavia, è che l’intero settore deve ora affrontare una fine dell’anno ancora più difficile poiché le aziende cercano disperatamente di gestire risorse, scorte, produzione e flusso di cassa nel penultimo mese prima dell’inevitabile Brexit. Mantenere aperti gli showroom – alcuni degli ambienti di vendita al dettaglio più protetti dal coronavirus – aiuterebbe ad attutire il colpo ma, più che mai, abbiamo bisogno di un accordo senza tasse con l’Europa per fornire una tregua necessaria a un settore pesantemente colpito”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento