in

Salone Auto e Moto d’Epoca 2020 confermato dagli organizzatori

Attese diverse persone dall’estero nonostante l’emergenza coronavirus

Salone Auto e Moto d'Epoca 2020 Padova

Con l’annuncio del nuovo DPCM del 13 ottobre 2020, gli organizzatori del Salone Auto e Moto d’Epoca, Intermeeting S.p.A., hanno confermato lo svolgimento dell’edizione di quest’anno all’interno del quartiere fieristico Fiera di Padova dal 22 al 25 ottobre.

La manifestazione, ovviamente, si svolgerà prestando attenzione a tutte le normative vigenti per quanto riguarda la sicurezza attraverso l’adozione di protocolli secondo l’articolo 2 dell’ordinanza 3 febbraio 2020 n. 630.

Salone Auto e Moto d'Epoca 2020 Padova
Salone Auto e Moto d’Epoca 2020, il nuovo DPCM non vieta lo svolgimento di eventi come questo

Salone Auto e Moto d’Epoca: Intermeeting S.p.A. conferma lo svolgimento dell’edizione di quest’anno

Tutti coloro che sono interessati a partecipare al Salone Auto e Moto d’Epoca 2020 potranno sfruttare i siti Web di Auto e Moto d’Epoca e Fiera di Padova per acquistare i biglietti direttamente online, evitando così file alla biglietteria. Inoltre, gli organizzatori hanno disposto degli ingressi dedicati per evitare assembramenti e lunghe attese.

La fiera potrà svolgersi a Padova senza problemi visto che il nuovo DPCM emanato martedì scorso dal premier Giuseppe Conte non prevede restrizioni per questo tipo di eventi.

PadovaFiere garantirà il rispetto di tutte le misure di sicurezza come ad esempio il controllo della temperatura all’ingresso, la disponibilità di gel disinfettante per le mani, pulizia giornaliera, presenza costante di uno staff qualificato per monitorare il rispetto delle norme e altro ancora.

Nonostante l’emergenza sanitaria, per il Salone Auto e Moto d’Epoca 2020 sono arrivate già diverse prenotazioni dall’estero, in particolare da Germania, Regno Unito, Austria e Danimarca.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento