in

Dacia Spring: ecco l’auto elettrica più economica d’Europa

Presentata Dacia Spring, l’auto elettrica promette 225 km di autonomia e 285 km in città

Dacia Spring
Dacia Spring

Dacia Spring è, nelle parole dell’azienda, “l’auto elettrica più economica d’Europa”. Presentata nell’ottobre 2020, promette 225 chilometri di autonomia e un massimo di 295 chilometri in un ambiente strettamente urbano. La sua commercializzazione inizierà prima dell’estate 2021 e le prime consegne saranno nell’autunno dello stesso anno. Il suo prezzo non è stato ancora confermato.

Dacia Spring è la prima proposta elettrica low cost del Gruppo Renault, che vuole posizionarsi nel mercato dell’elettromobilità con un modello che replica la formula best seller che ha sperimentato negli ultimi tempi con la Dacia Sandero o la Dacia Duster. In questo caso, con un veicolo completamente elettrico che sarà anche integrato nella rete di car sharing dell’azienda.

La Dacia Spring è la versione di serie della Dacia Spring Electric Concept , un prototipo presentato a marzo 2020. Aveva grandi somiglianze con la Renault City K-ZE , un’elettrica a basso costo che il marchio di diamanti commercializzava in Cina e che aveva deciso di importare nel vecchio continente. Condividono la stessa potenza, ma la Spring ha una portata leggermente superiore.

Dacia Spring misura 3,73 metri di lunghezza, 1,62 metri di larghezza senza gli specchietti e 1,51 metri di altezza, con un passo di 2,42 metri e un’altezza da terra di 15 centimetri. Il suo peso deve ancora essere confermato. Ciò significa che la Spring è più larga –4,3 centimetri– e più lunga –3,2– della City K-ZE, anche se 1 millimetro più corta. L’interasse. A titolo di riferimento, il modello cinese accredita un peso a vuoto di 921 chili.

Il risultato è un’auto di 35 centimetri più corta della Dacia Sandero, ma con la stessa altezza da terra. Questo rapporto enfatizza un’estetica SUV che il marchio esalta con l’introduzione di ampi passaruota.

Il design del frontale è una svolta sul linguaggio introdotto nell’ultima generazione di Sandero, con luci a LED più nitide, automatiche di serie, e una griglia centrale più compatta che abbandona la sua funzione di raffreddamento per essere un elemento decorativo. I fendinebbia sono in una posizione superiore per liberare la parte inferiore del frontale, che ha tre prese d’aria.

I fanali posteriori mantengono l’estetica vista nel nuovo Sandero, anche se sorprendentemente Dacia fa un passo indietro con il cofano del bagagliaio. Se nella compatta il pulsante di apertura era stato spostato all’estremità inferiore del portellone, cosa che lo rendeva praticamente invisibile, nella nuova Spring riacquista la sua posizione al centro del vano, come nella penultima Sandero.

La presa di ricarica si trova dietro l’emblema Dacia sulla parte anteriore del veicolo. Questo rappresenta un cambiamento rispetto al prototipo, che lo aveva dietro il passeggero anteriore destro. I cerchi presentano una finitura creata espressamente per imitare l’estetica dei cerchi in lega. Dacia prevede di introdurre un secondo corpo per questo modello, per renderlo un veicolo commerciale leggero.

Ti potrebbe interessare: Debutta ad ottobre la Dacia Spring, l’attesissima auto elettrica low cost

Hai le notifiche bloccate!!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento