in

Dodge Challenger SRT Demon: i proprietari fanno causa a FCA per un problema al cofano

Il gruppo automobilisto è stato accusato di aver nascosto i difetti e di non aver rispettato le garanzie

Dodge Challenger SRT Demon 2018

La presa d’aria Air-Grabber presente sul cofano motore della Dodge Challenger SRT Demon aiuta a mantenere fresco il performante motore Hemi V8 sovralimentato da 6.2 litri da oltre 850 CV. Questo però ha fatto partire una causa contro la casa automobilistica americana in quanto potrebbe non essere all’altezza degli standard.

Alcuni proprietari californiani e locatori della muscle car hanno accusato Dodge di aver riscontrato problemi di vernice, riportando la presenza di un inserto fragile che si espande e si contrae quando viene utilizzato il veicolo. Si tratta di “un componente cedevole, deformante, sporgente e che provoca vibrazioni”.

Dodge Challenger SRT Demon 2018
Dodge Challenger SRT Demon Air-Grabber

Dodge Challenger SRT Demon: alcuni proprietari della muscle car hanno riscontrato problemi alla vernice del cofano

Secondo CarComplaints, FCA è stata accusata di aver nascosto questi difetti e di non aver rispettato le garanzie. Ciò costringe i proprietari della Challenger SRT Demon a cercare soluzioni alternative come ad esempio ridipingere i cofani (anche se così facendo si otterranno differenze nella vernice) o addirittura sostituire il cofano o gli inserti originali.

La società sarebbe venuta a conoscenza di questo problema prima che la causa partisse in quanto ha emesso un bollettino di servizio che presumibilmente richiede una cornice del cofano motore più piccola e non originale ed è l’unica parte dell’Air-Grabber visibile dall’esterno. Tuttavia, i proprietari affermano che le riparazioni sono inadeguate e trasformano la Dodge Challenger SRT Demon in un veicolo diverso da quello commercializzato.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento