in

In un anno in Italia muoiono 534 pedoni

È una strage, come riporta l’Asaps nel suo più recente rapporto

incidente

In un anno in Italia muoiono 534 pedoni. Nel 2019, 19.818 sinistri (54 al giorno). Dei 534 pedoni, 336 uomini e 198 donne. È come se ogni anno sparisse un piccolo borgo della nostra Penisola. Sul totale di 3.137 morti da sinistro stradale in Italia nel 2019, i pedoni rappresentano il 17% dei deceduti in un anno: come nel 2018, perciò un decesso ogni sei sulle strade è oggi un pedone.

In un anno in Italia muoiono 534 pedoni: quale indice di mortalità

L’indice di mortalità per i pedoni, pari a 2,7 ogni 100 incidenti per investimento, è circa quattro volte superiore a quello degli occupanti di autovetture (0,7). Gli anziani rimangono la categoria più a rischio, con altissimi indici di probabilità di rimanere feriti anche in modo grave, ammontano a ben 6.775 quelli in ospedale per le cure.

Nel 2019 i feriti tra i pedoni sono stati 21.430, in aumento di 630 unità rispetto al 2018, due in più al giorno. E tra i feriti occorre ricordare che il numero degli ultimi anni non cala e rimane costante tra i 20.000 e i quasi 22.000 nel periodo 2005-2019.

Per 7.747 volte il conducente di un veicolo non dava la precedenza al pedone su attraversamento pedonale con 143 morti e 7.604 feriti. Il 3% del totale degli incidenti rilevati in Italia vede la mancata precedenza al pedone (articolo 191 del Codice della Strada).

Pedoni responsabili: quando

Ma anche i pedoni hanno responsabilità. E le circostanze presunte riferibili a incidenti sono state 4.535 con 124 decessi e 4.411 feriti, con 2.390 casi in cui il pedone attraversava la strada irregolarmente, in 762 incidenti camminava in mezzo alla carreggiata. In 475 occasioni il pedone veniva fuori improvvisamente da dietro un veicolo in sosta o fermata. In 371 situazioni il pedone attraversava al passaggio pedonale non rispettando i segnali.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento