in

Dodge Viper: questo esemplare sviluppa oltre 830 CV | Video

Il pacchetto usato per potenziare la sportiva a due porte costa oltre 22.000 euro

Dodge Viper Prefix mod

La Dodge Viper rimane una delle auto più performanti realizzate dalla casa automobilistica americana. In questo articolo vi parliamo, però, di un esemplare molto speciale modificato da Prefix, una società specializzata in componenti ad alte prestazioni che riguardano le auto Mopar.

In particolare, la Viper in questione dispone del pacchetto Viper 9.0L Xtreme Engine che costa ben 26.650 dollari – 22.614 euro – (esclusa installazione). L’elenco delle modifiche inizia con una messa a punto personalizzata per il sistema di controllo motore, un albero a camme non VVT con doppie molle PAC e testate dei cilindri CNC, delle valvole di aspirazione da 5,40 cm e delle valvole di scarico da 4,08 cm.

Dodge Viper Prefix mod
Dodge Viper GTS by Prefix interni

Dodge Viper: ecco un esemplare del 2013 con modifiche da oltre 22.000 euro

In aggiunta, il pacchetto include dei pistoni Mahle, delle fasce elastiche Moly riempite in acciaio, delle bielle con trave ad H e tanto altro ancora. Parlando di numeri, la Dodge Viper modificata da Prefix, con sede nel Michigan, riesce a sviluppare 837 CV e 1017 nm di coppia massima utilizzando un carburante da 93 ottani. Più nello specifico si tratta di una Viper GTS model year 2013.

Nel video presente in fondo all’articolo è possibile ascoltare il nuovo sound riprodotto dalla super sportiva a due porte. La configurazione dell’impianto di scarico gioca un ruolo molto importante in termini di qualità uditiva poiché ogni lato del motore V10 scarica i gas dai terminali laterali posizionati sotto le portiere.

Per scoprire le prestazioni nello specifico di questa Dodge Viper da oltre 800 CV, vi basta cliccare sul tasto Play dell’anteprima del video presente dopo la galleria fotografica.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento