in

Jeep Grand Wagoneer vs Grand Commander: due SUV molto simili

Anche il nuovo Grand Wagoneer otterrà una versione ibrida plug-in come il Grand Commander

Dopo una serie di promesse mai mantenute, Jeep ha deciso finalmente di svelare al pubblcio il Jeep Grand Wagoneer. Dopo aver presentato il concept assieme alla Wrangler 4xe, la casa automobilistica americana ha dichiarato che la versione di produzione arriverà nel 2021. Tuttavia, non è l’unico modello “Grand” della gamma perché l’azienda ha lanciato due anni fa in Cina il Jeep Grand Commander.

Anche se i due veicoli sono completamente diversi, dando una rapida occhiata alle loro caratteristiche si scopre un DNA molto simile. Partendo dal frontale, entrambi i SUV dispongono di una sottile griglia a sette barre affiancata da fari sottili. I due veicoli, inoltre, sono dotati di luci a LED sulla parte superiore dei fari, anche se sul Grand Commander non c’è la griglia illuminata. Sicuramente, l’anteriore del nuovo Jeep Grand Wagoneer è più moderno.

Jeep Grand Commander Salone Auto China 2018
Jeep Grand Commander

Jeep Grand Wagoneer: il nuovo SUV condivide alcune caratteristiche con il Grand Commander

Le somiglianze tra i due veicoli sono molto più evidenti lateralmente. In particolare, troviamo dei passaruota di forma simile e dei finestrini posteriori che si vanno verso su. Tuttavia, il Grand Wagoneer di ultima generazione ha una carrozzeria più snella e dei montanti maggiormente pronunciati.

I cambiamenti più importanti si trovano nella parte posteriore dove il Grand Wagoneer sfoggia un portellone quasi verticale e delle luci posteriori in stile Lincoln. Il Grand Commander, invece, dispone di un retro più tradizionale.

Nuovo Jeep Grand Wagoneer
Nuovo Jeep Grand Wagoneer interni

Passando all’abitacolo, entrambi i SUV hanno un sistema di infotainment posizionato centralmente, affiancato da prese d’aria con uno stile simile. Tuttavia, il Jeep Grand Wagoneer è più lussuoso e high-tech. Nello specifico, il concept è dotato di un quadro strumenti digitale da 12.3 pollici, un sistema di infotainment con schermo da 12.1 pollici e un secondo display inferiore da 10.25 pollici che consente di gestire il clima.

Non manca poi un ulteriore schermo da 10.25 pollici per il passeggero anteriore e tre display da 10.1 pollici per la seconda fila di sedili. Ovviamente, è probabile che la versione di produzione non riceverà tutti questi schermi. È il caso proprio del Jeep Grand Commander che è stato presentato in anteprima attraverso il concept Yuntu il quale vantava ben 11 diversi schermi. Queste sono in gran parte le somiglianze che hanno i due SUV della casa automobilistica americana.

Jeep Grand Commander PHEV Cina
Jeep Grand Commander interni

Il Grand Commander è basato sulla piattaforma Compact Wide e si avvicina molto alla Cherokee mentre il Jeep Grand Wagoneer è più grande e dovrebbe essere basato sulla piattaforma del Ram 1500. Molto probabilmente, le motorizzazioni saranno condivise con il pick-up, anche se Jeep ha dichiarato che verrà offerta pure una versione ibrida plug-in.

Anche il Grand Commander viene proposto in Cina con un gruppo propulsore ibrido composto da un motore turbo a quattro cilindri da 2 litri, due propulsori elettrici e un pacco batterie da 13 kWh che permette un’autonomia di fino a 70 km con una singola ricarica.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento