in

Alfa Romeo Mille Miglia Spider: un progetto digitale nato durante il lockdown

Il concept prende in prestito diverse caratteristiche da altre vetture di Alfa Romeo e non

Alfa Romeo Mille Miglia Spider

Sono tanti gli appassionati e i designer più esperti ad immaginare le prossime vetture di Alfa Romeo. Un esempio è LP Design che ama ipotizzare in render come sarebbero le future auto della casa automobilistica di Arese. In questo articolo, però, vi parliamo di un concept davvero interessante realizzato da una giovane designer di 22 anni chiamata Francesca Fonio.

La designer si è laureata in Transportation Design presso l’Istituto d’Arte Applicata e Design (IAAD) di Torino con una tesi scritta in collaborazione con il Centro europeo design di Suzuki. Durante il periodo di lockdown causato dal coronavirus, però, Forio ha deciso di lavorare su un progetto parecchio interessante che vede protagonista una biposto sportiva di Alfa Romeo.

Alfa Romeo Mille Miglia Spider
Alfa Romeo Mille Miglia Spider tre quarti posteriore

Alfa Romeo Mille Miglia Spider: una sportiva a due posti ispirata alle Ferrari Monza

Da precisare che questo progetto non è collegato in alcun modo al Biscione ma si tratta semplicemente di un’idea personale che la giovane designer ha voluto rappresentare in alcuni render. Francesca Forio ha affermato che vorrebbe continuare a sviluppare l’idea, lavorando sugli interni e producendo un modello 3D più realistico.

Il progetto in questione prende il nome di Alfa Romeo Mille Miglia Spider e porta con sé un mix di caratteristiche provenienti da diverse vetture dello storico marchio italiano e non. Ad esempio, abbiamo i cerchi della Giulia Quadrifoglio, il retro della TZ3 Zagato e un corpo molto simile a quello offerto dalle Monza SP1 ed SP2 di Ferrari della serie Icona.

Alfa Romeo Mille Miglia Spider

L’artista ha dichiarato che voleva creare un’auto che suscitasse gioia durante un periodo difficile. La Mille Miglia Spider è nata dal presupposto della corsa omonima che ha rappresentato l’attitudine alla vita, spiega la designer. il progetto, inoltre, rappresenta al meglio la casa automobilistica milanese in quanto è riuscita a vincere più volte la famosa corsa.

Ho cercato di trovare una chiave moderna sfruttando il movimento delle superfici, unendole tramite le riflessioni di luce; il design vuole riprendere una certa purezza di stile, con elementi molto semplici e senza eccessivi dettagli. Riguardo alle proporzioni dell’auto ho cercato di renderla lunga e dinamica, avendo come base le Ferrari Monza, molto imponenti e al contempo visivamente leggere, alla ricerca del cosiddetto dinamismo statico. I colori sono il grigio metalizzato e il rosso glossy riflettente, che creano contrasto“, ha dichiarato Francesca Fonio.

Sembra che le notifiche siano off!