in

Gian Paolo Dallara sfida la Ferrari: “IndyCar è l’unica cosa che non hanno vinto”

Gian Paolo Dallara si augura che la Ferrari possa davvero entrare in Indycar e li sfida dicendo che è l’unico campionato che non hanno mai vinto

Indycar
Indycar

Ormai da molti anni non ci sono dubbi sul fatto che Dallara Automobili è diventata la casa costruttrice di telai per eccellenza nel mondo degli sport motoristici, due anni dopo mezzo secolo di esistenza dalla sua base a Varano de ‘Melegari. Poche categorie sfuggono ai suoi tentacoli, in molti casi senza opposizione dopo averlo sconfitto o attraverso accordi esclusivi: Super Formula, Formula 2 e Formula 3, Formula E (assistenza tecnica a Spark), LMP2 e persino Formula 1, dove i veicoli Haas sono progettati da loro ogni anno. Ma nessuno di loro ha la stessa influenza, potere ed esperienza di IndyCar .

Il coinvolgimento di Dallara nella categoria americana risale al suo ingresso nella Indy Racing League nel 1997, questa è la sua 24a stagione consecutiva. Dal 2007, l’azienda italiana è l’unico fornitore di telai della categoria, la Indy 500 di quell’anno è stata l’ultima volta che hanno affrontato la concorrenza di Panoz. E, ultimo ma non meno importante, dal 2015 stanno producendo il telaio unico della sua categoria principale più bassa, le Indy Lights, che metteranno temporaneamente i freni nel 2020 a causa degli effetti negativi della pandemia dopo anni di difficoltà.

Il suo coinvolgimento si è esteso a tal punto che il suo secondo importante centro nevralgico globale si trova in un complesso industriale attaccato all’Indianapolis Motor Speedway , a solo un chilometro dalla curva 1. In prima linea, il suo fondatore, Gian Paolo Dallara, che tiene d’occhio qualsiasi cosa accada, dalla loro base in Italia o in uno dei loro numerosi viaggi americani. Il COVID-19 ha rallentato quel trambusto, ma non il suo slancio competitivo a 73 anni, come ha detto chiaramente in un’intervista a La Gazzetta dello Sport .

Negli ultimi mesi, si è parlato molto di una possibile incorporazione della Ferrari nella categoria, come produttore di motori o telai, per reindirizzare le sue risorse umane ed economiche dopo aver accesso al limite di stipendio di 145 milioni di dollari di Formula 1, una misura che Dallara considera “la giusta direzione”. Sebbene tutto indichi che la Scuderia sarebbe coinvolta solo in ciò che sta sotto il cofano del motore, e non attorno ad esso, l’ingegnere veterano assicura che li riceverà con piacere.

So solo quello che ho letto e spero sia vero, perché la Ferrari darebbe un impulso alla categoria e aumenterebbe l’interesse dal punto di vista sportivo e tecnico “, afferma Dallara, che ha fatto appello al gene vincente per il marchio italiano. “E anche perché è l’unica competizione in cui la Ferrari non ha vinto . Sarebbe un orgoglio averli in campionato ».

Ti potrebbe interessare: Mattia Binotto conferma l’interesse della Ferrari per le corse su IndyCar

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento