in

Dodge Charger R/T: ecco un restomod del 1970 con 572 Hemi

In vendita un bellissimo esemplare della muscle car classica rivestita in verde

Dodge Charger R/T 1970 restomod

Le Dodge Charger dell’epoca sono state rese molto famose da alcuni film come ad esempio la serie Fast & Furious oppure il film Bullit del ‘68 in cui era protagonista una Charger R/T 440.

Nelle immagini presenti in questo articolo, però, vi proponiamo una Dodge Charger R/T del 1970 davvero speciale poiché si tratta di un restomod poiché ha ricevuto alcune modifiche che iniziano con il propulsore 572 Hemi. Parliamo di una cilindrata da ben 9.3 litri, addirittura più potente del 426 Hemi più famoso.

Dodge Charger R/T 1970 restomod
Dodge Charger R/T motore 572 Hemi

Dodge Charger R/T: in vendita un restomod del 1970 con il potente 572 Hemi

L’esemplare della muscle car classica è stato modificato da Streetside Classics. Il gigantesco motore Mopar vanta testate Stage V, aste e pistoni Eagle e altro ancora. Tutta la potenza erogata dal 572 Hemi viene controllata tramite un cambio manuale a 5 velocità con impugnatura a pistola.

Il retro di questa Charger R/T è a slittamento limitato e propone delle sospensioni a quattro bracci. Su tutte e quattro le ruote, invece, abbiamo un impianto frenante costituito da dischi. Da notare anche l’esclusiva colorazione verde abbinata a delle strisce nere per assicurare il massimo effetto visivo, oltre a dei cerchi neri a 10 razze con labbro esterno lucido.

Dodge Charger R/T 1970 restomod
Dodge Charger R/T interni

Proprio come il vano motore e l’esterno, l’abitacolo di questa Charger R/T ha dei rivestimenti in pelle nera con cuciture verdi, degli inserti in fibra di carbonio, un volante sportivo, dei sedili rinforzati Mopar e una console centrale verde.

Non manca un impianto stereo di ultima generazione con porta USB. Con appena 2752 km percorsi, questa Dodge Charger R/T del 1970 è disponibile ad un prezzo di 109.995 dollari (97.361 euro).

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento