in

RAM la nuova “locomotiva” di Fiat Chrysler?

RAM è stato il marchio di Fiat Chrysler Automobiles con la crescita più elevata nel 2019

Ram 2500 Night Edition Brasile

RAM è stato il marchio di Fiat Chrysler Automobiles con la crescita più elevata nel 2019. Sebbene il suo volume di vendite sia ancora lontano da quello riportato da Jeep, la verità è che questa nota società di pick-up sta rapidamente diventando la nuova “locomotiva” che alimenta il suddetto gruppo automobilistico. In particolare, le vendite di RAM a livello globale nell’ultimo anno hanno raggiunto 847.000 unità, il 17% in più rispetto al 2018.

Gli Stati Uniti sono il primo mercato per la RAM. E non solo sono aumentate le immatricolazioni di pick-up, ma anche i veicoli commerciali di questo marchio, superando la barriera delle 55.000 unità. La RAM ProMaster ha aumentato le vendite del 21%. Tutto ciò si verifica quando il prezzo medio di transazione della 1500 è aumentato di quasi il 50% dal 2010 a circa $ 50.000 (€ 46.190). Se questa tendenza continua, la RAM diventerà la vera “locomotiva” di FCA. Inoltre, al momento è l’unica azienda che guida realmente la crescita del produttore. E se non avesse ottenuto risultati così buoni nel 2019, Fiat Chrysler Automobiles avrebbe chiuso un esercizio con dati molto peggiori.

Non c’è dubbio che pick-up e SUV siano il vero sostentamento della FCA. Nel segmento dei pick-up a grandezza naturale, molto importante negli Stati Uniti, la RAM ha conquistato il secondo posto nell’ultimo anno venendo superata solo dalla Ford. Il marchio ha registrato una crescita del 18% in questa categoria. RAM è chiamata a svolgere un ruolo di primo piano nel futuro più immediato di FCA. Il marchio che è stato introdotto nella società nel 2009 sta attraversando il suo momento migliore.

Ti potrebbe interessare: Ram 1500 Rebel EcoDiesel è il punto di riferimento nella sua categoria | Video

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento