in

Mopar cerca di stare il più vicino possibile ai clienti di FCA Marocco

Mopar ha implementato una serie di azioni pratiche in Marocco, attraverso la sua rete di rivenditori, per supportare chi lavora durante il coronavirus

Mopar
Mopar

Mopar ha implementato una serie di azioni pratiche, attraverso la sua rete di rivenditori, per supportare il personale che lavora per il bene della società durante l’emergenza sanitaria in Marocco. Mopar mette a disposizione gratuitamente la propria officina mobile, un servizio di intervento a domicilio e sul luogo di lavoro, il cui obiettivo è riavviare i veicoli con batteria scarica in casi urgenti.

Lo stesso vale per il servizio di rimorchio e l’assistenza stradale, offerti in tutto il Marocco, a tutti i veicoli acquistati dal 2016 (l’acquisto di veicoli negli ultimi 4 anni include l’assistenza gratuita 5 anni). Inoltre, il servizio di “concierge”, vale a dire il recupero e la consegna del veicolo in caso di interventi urgenti, è attivato anche per i veicoli in circolazione nelle città di Casablanca e Rabat.

Va notato che l’operatore rassicura i clienti la cui garanzia contrattuale FCA, l’estensione della garanzia FCA o il piano di manutenzione, scadono durante il blocco. Infatti la copertura e il periodo raccomandato per eseguire le operazioni di manutenzione saranno prorogati di un mese dalla controllata marocchina del gruppo italo-americano dopo la fine del blocco a causa del coronavirus.  “La nostra vicinanza ai nostri clienti è essenziale durante questo particolare periodo. Stiamo anche lavorando a stretto contatto con la nostra rete di rivenditori, che saluto per il loro impegno, al fine di rispondere alle esigenze specifiche di questa crisi ”, precisa Francesco Monaco, Presidente e CEO di FCA.