in

Arval Italia dona 100.000 euro per sostenere l’emergenza coronavirus

Messi a disposizione anche 55 veicoli usati solitamente per il noleggio

Arval Italia

Negli ultimi mesi abbiamo visto diversi sostegni arrivare da varie società operanti in Italia e persone importanti del settore automobilistico (come la famiglia Agnelli) per via della diffusione del coronavirus.

Anche Arval Italia, un’azienda molto famosa nel settore del noleggio di veicoli a lungo termine e nei servizi di mobilità, ha deciso di sostenere la lotta contro il COVID-19 con una donazione complessiva di 100.000 euro a enti e associazioni operanti nei territori in cui lavorano la maggior parte dei collaboratori dell’azienda.

Arval Italia
Arval Italia, le donazioni saranno valide in tutti i paesi in cui ci sono la maggior parte dei suoi collaboratori

Arval Italia: l’azienda di noleggio mette a disposizione anche 55 suoi veicoli

A parte il sostegno economico, Arval Italia ha messo a disposizione 55 suoi veicoli per la lotta al coronavirus nei confronti di aziende sanitarie locali, operatori sanitari, associazioni di volontariato e così via. In particolare, in Lombardia è stato istituito il fondo Regione Lombardia – Sostegno emergenza Coronavirus che permette di acquistare tutto il materiale sanitario necessario come ad esempio mascherine e tute protettive.

A parte la Lombardia, la società di noleggio di veicoli a lungo termine ha donato diversi contributi alla Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, alla Compagnia di Pubblica Assistenza Humanitas e al fondo del Comune di Scandicci (Firenze) “Emergenza Covid-19 – Io dono, tu doni, noi vinciamo”, volto a potenziare la terapia intensiva presso l’ospedale San Giovanni di Dio di Firenze.

Infine, è stata fatta una donazione di 500.000 euro dal Gruppo BNP Paribas, di cui Arval Italia fa parte, per sostenere la Croce Rossa Italiana.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento