in

Coronavirus: dipendenti PSA ostili alla rapida riapertura delle fabbriche

I sindacati non sono favorevoli alla riapertura delle fabbriche di PSA che dunque per il momento frena

Nella giornata di venerdì 27 marzo in Francia si era diffusa la notizia che nonostante la progressione della pandemia di Covid-19, il gruppo PSA avrebbe riaperto le sue fabbriche il più presto possibile. Il gruppo automobilistico, che aveva chiuso i suoi siti industriali due settimane prima, aveva appena pubblicato un comunicato stampa che indicava che stava mettendo in atto “misure sanitarie rafforzate per creare le condizioni per la ripresa di un’attività sicura e progressiva” .

Allo stesso tempo, in almeno due fabbriche francesi del gruppo, a Valenciennes (Nord, cambi) e a Douvrin (Passo di Calais, motori), sono state discusse in seno al Comitato economico e sociale (CSE) non solo le misure per riprendere la produzione (indossando una maschera, distanze di sicurezza, pulizie, ecc.), ma anche un recupero dalla settimana del 30 marzo, in numero ridotto.

La reazione del sindacato non è tardata: un franco e massiccio rifiuto del principio della rapida ripresa, anche da parte delle organizzazioni sindacali che erano sembrate più propense a cercare un compromesso. “La ripresa dell’attività può essere prevista solo dopo il picco dell’epidemia nel nostro paese” ha dichiarato FO, la prima organizzazione sindacale del gruppo PSA, in un comunicato stampa pubblicato il 27 marzo.

Il CFTC (terza unione), di solito moderato, ha inviato lunedì 30 marzo una lettera a Carlos Tavares, presidente del PSA, in cui Franck Don, il delegato centrale di PSA dell’Unione cristiana, afferma: “Oggi è fuori discussione chiedere ai dipendenti del gruppo PSA di lasciare le loro case, quando il governo ha appena prolungato il periodo di isolamento”, ha dichiarato Don in questa missiva, che Le Monde ha potuto consultare.

Di fronte alle reazioni sindacali, PSA ha dichiarato che nessuna data di riapertura è stata fissata da nessuna parte. “Stiamo implementando il protocollo sanitario rafforzato nelle nostre fabbriche senza produzione, ad esempio posizionando i contrassegni sul terreno, quindi eseguiremo un audit”, descrive in dettaglio un portavoce dell’azienda. “Si tratta di anticipare per essere pronti quando arriverà il momento di ripartire. Il riavvio verrà deciso insieme alle parti sociali. “

Ti potrebbe interessare: PSA ha negato che la fusione con FCA sia minacciata dal coronavirus

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento