in

FCA: anche in Mopar un caso di Coronavirus

Chiuso il centro di distribuzione Mopar a Center Line dopo la notizia della positività al coronavirus di un dipendente

Mopar
Mopar

I funzionari di Fiat Chrysler Automobiles hanno fatto andare a casa i pochi lavoratori rimasti presso il centro di distribuzione di pezzi MOPAR a Center Line mercoledì mattina dopo che almeno un dipendente è risultato positivo al coronavirus, ha confermato UAW. “Il business è stato aperto a volontari retribuiti” perché è un business essenziale, ha dichiarato il portavoce Brian Rothenberg. “Stanno pulendo a fondo e seguendo il protocollo.”

La UAW è a conoscenza di almeno un test positivo confermato con segnalazioni di altri in attesa di conferma. Alla domanda sulla situazione, un portavoce della FCA ha dichiarato in una nota preparata: “Abbiamo casi di COVID-19 nella nostra impresa, tuttavia per rispetto della privacy dei dipendenti, non forniremo ulteriori commenti. Ovunque abbiamo confermato i casi, siamo seguendo tutti i protocolli di pulizia e disinfezione “.

Natalie Farquhar, che ha trascorso quasi 26 anni a lavorare per FCA, ha confezionato parti per 14 anni in Center Line. Ha descritto di essere stata convocata in un incontro con funzionari sindacali e aziendali mercoledì mattina per sapere che un collega è malato in ospedale. “Imballiamo le parti per tutti i centri di distribuzione della nazione e siamo l’unica struttura Fiat Chrysler che confeziona le parti MOPAR”, ha affermato. “Abbiamo una persona confermata che apparentemente si trova in terapia intensiva che lavora presso l’edificio del packaging. Sappiamo chi è, anche se non ce lo diranno ufficialmente. Qualcuno è stato in contatto con la famiglia. Ci hanno detto di andare a casa oggi e avrebbero disinfettare l’edificio “.

Ti potrebbe interessare: Jeep Gladiator: Mopar mostra un esemplare modificato al Canadian International AutoShow 2020