in

Exor afferma che le chiusure degli impianti di Ferrari, Fiat Chrysler e CNH potrebbero estendersi

Exor conferma che le fabbriche di Fiat Chrysler, Ferrari e CNH potrebbero estendere nel tempo le chiusure dei loro impianti

Exor
Exor

La società di investimento Exor ha dichiarato alla fine della giornata di mercoledì che la chiusura di impianti tra alcune delle sue filiali a causa della diffusione dell’epidemia di coronavirus potrebbe continuare ed espandersi. Exor ha dichiarato che la Ferrari, la Fiat Chrysler Automobiles e la CNH Industrial NV hanno temporaneamente sospeso la produzione nella maggior parte dei loro impianti di produzione a causa della pandemia.

Exor conferma che le fabbriche di Fiat Chrysler, Ferrari e CNH potrebbero estendere nel tempo le chiusure dei loro impianti

“Queste misure, sebbene di natura temporanea, possono continuare e aumentare a seconda degli sviluppi relativi allo scoppio del virus”, ha affermato. Attualmente non è in grado di valutare in modo affidabile l’impatto dell’epidemia sulle sue operazioni, ha affermato la holding.

La holding della famiglia italiana Agnelli, i cui investimenti spaziano dal settore automobilistico a quello assicurativo e comprende anche veicoli industriali, editoriali e calcio, ha dichiarato che il suo valore patrimoniale netto è salito a $ 26,155 miliardi alla fine del 2019 da $ 19,74 miliardi un anno prima.

Vedremo dunque come si evolverà la situazione legata alla diffusione dell’epidemia di coronavirus nel mondo e quando riapriranno le fabbriche Exor di Fiat Chrysler Automobiles, Ferrari e CNH Industrial nel mondo.

Ti potrebbe interessare: L’accordo Fiat-Peugeot porterebbe nelle casse di Exor 3,6 miliardi di euro nel 2022

Exor Agnelli
Exor conferma che lo stop alla produzione di Ferrari, Fiat Chrysler e CNH potrebbe essere estesa

Ti potrebbe interessare: FCA: la famiglia Agnelli dona 10 milioni per far fronte all’emergenza coronavirus