in

Coronavirus: fumi in auto? Morte in agguato

Secondo l’Istituto superiore di sanità, è ormai dimostrato che il fumo di tabacco attivo e passivo favorisce le infezioni respiratorie

fumo auto

Chi fuma in auto trasforma l’abitacolo in una camera a gas: la sigaretta sprigiona 4000 sostanze tossiche fra cui il famigerato polonio. Chi fuma in auto aggrava anche i sintomi del coronavirus e rischi di morire più di un fumatore. Secondo l’Istituto superiore di sanità (ISS), è ormai dimostrato che il fumo di tabacco attivo e passivo favorisce le infezioni respiratorie. Proprio quello che il coronavirus vuole.

Il corona sguazza nell’abitacolo, ambiente chiuso e piccolo. Se poi si fuma, è la fine per i polmoni. Senza parlare del rischio cancro associato alla sigaretta (più varie patologie, come impotenza per gli uomini, infertilità, malattie dell’apparato cardiocircolatorio e digerente).

Non stupisce quindi che recentissimi studi relativi al Covid-19 abbiano evidenziato un rischio di malattia più severa tra i fumatori. Un terzo in più dei fumatori positivi al Covid-19 presentava all’atto del ricovero una situazione clinica più grave dei non fumatori, dice l’ISS. E per loro il rischio di aver bisogno di terapia intensiva e ventilazione meccanica è più che doppio. Questi studi ipotizzano anche che la condizione di fumatore spieghi la differenza di genere nel tasso di letalità riscontata che sarebbe del 4,7% negli uomini contro il 2,8% nelle donne. Infatti, la prevalenza di fumatori in Cina è molto elevata e supera il 50% mentre quella delle donne è inferiore al 3%.

Smettere di fumare, si è sempre in tempo

Coronavirus a parte, quando si smette di fumare si ottengono molti benefici sia a breve sia a lungo termine. Dopo poche settimane migliorano gli scambi gassosi respiratori della circolazione, migliorano la tosse e i problemi respiratori. In Italia, ci sono i Centri Antifumo, presenti su tutto il territorio nazionale, dove operano specialisti in grado di aiutare i fumatori nel percorso della cessazione dal consumo dei prodotti del tabacco anche attraverso interventi personalizzati. Segnaliamo il numero verde contro il fumo 800 554088, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 16 per informazioni e sostegno nel cambiamento.

Coronavirus in Italia, la situazione

Che il coronavirus vada combattuto anche non fumando in auto lo dicono pure i numeri. Quelli della Protezione civile: al 12 marzo 2020, in Italia, sono 12.839 i positivi al virus. A oggi, in Italia sono stati 15.113 i casi totali.  Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 6.896 in Lombardia, 1.758 in Emilia-Romagna, 1.297 in Veneto. Poi a calare nelle altre Regioni. Sono 1.258 le persone guarite. I deceduti 1.016.