in

Ferrari Purosangue cambia nome? problemi legali per il cavallino rampante

È scoppiata una battaglia legale tra la Ferrari e una piccola associazione di beneficenza sportiva per il nome Purosangue

È scoppiata una battaglia legale tra la Ferrari e una piccola associazione di beneficenza sportiva per il nome Purosangue. Uno dei marchi più famosi in Italia ha avviato un procedimento contro la Fondazione Purosangue senza fini di lucro, sostenendo che non ha fatto un uso commerciale sufficiente del nome per giustificare l’esclusività. Purosangue significa letteralmente “sangue puro” ed è stato scelto dall’ente benefico per riflettere il suo lavoro elettorale contro il doping nello sport. È anche il nome del primo SUV Ferrari, che dovrebbe essere in vendita nel 2022.

È scoppiata una battaglia legale tra la Ferrari e una piccola associazione di beneficenza sportiva per il nome Purosangue

La fondazione ha affermato di aver registrato la parola come marchio di abbigliamento e altri prodotti nel 2013 e di aver cercato colloqui con la casa automobilistica, ma ha bloccato la registrazione della Ferrari sul marchio in Europa quando non è stato possibile raggiungere un accordo. Alessandro Masetti, un avvocato che rappresenta la pro-bono Purosangue, ha dichiarato: “Questo caso è come Davide contro Golia”. Il marchio è stato in costante uso da parte della fondazione, ha affermato, anche in una partnership per la produzione di sneaker e abbigliamento firmati con Adidas, sponsor dell’ente.

Ti potrebbe interessare: Ferrari Suv: ecco l’ultima ipotesi dal web

Ferrari ha affermato che la registrazione dovrebbe essere rimossa a causa della mancanza di utilizzo negli ultimi cinque anni, ha detto. “Ma abbiamo molte prove della nostra attività.” Il caso sarà ascoltato da un tribunale di Bologna il 5 marzo. Un portavoce della Ferrari ha dichiarato che la società “non commenta il contenzioso pendente”. Max Monteforte, un allenatore di corsa ed ex corridore professionista che ha fondato l’ente benefico, ha dichiarato: “È un’ingiustizia. Perché dovremmo rinunciare alla nostra identità? Avrebbero dovuto controllare prima. “Siamo piccoli, quindi è difficile difendere il nostro marchio, ma stiamo facendo un lavoro importante.”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento