in

Dodge Neon SRT-4: un esemplare del 2005 protagonista di un’asta online

Al momento della pubblicazione di questo articolo, l’auto ha raggiunto la somma di 8800 dollari

Dodge Neon SRT-4 2005

La Dodge Neon è stata una delle auto più popolari prodotte dalla casa automobilistica americana qualche anno fa. Bring a Trailer, noto sito internet di aste, sta proponendo in vendita la versione più potente di tale vettura commercializzata dal brand di Fiat Chrysler Automobiles (FCA): Dodge Neon SRT-4.

Abbiamo di fronte un esemplare del 2005 dotato di un motore a quattro cilindri turbo da 2.4 litri capace di sviluppare una potenza di 230 CV. In quel periodo, la Neon SRT-4 era la risposta diretta dell’America a vetture come la Honda Civic Si.

Dodge Neon SRT-4 2005
Dodge Neon SRT-4 interni

Dodge Neon SRT-4: Bring a Trailer mette in vendita un esemplare del 2005

A bordo di questo modello troviamo varie modifiche come una trasmissione manuale a 5 velocità, un alettone posteriore montato sul portellone, dei cerchi da 17 pollici, delle sospensioni più robuste e molto altro ancora.

Internamente, questa Dodge Neon SRT-4 del 2005 è dotata di un sistema audio Kicker composto da 6 altoparlanti e da un CD changer da 6 dischi. Non mancano aria condizionata e alzacristalli anteriori elettrici. Questo esemplare di 15 anni fa sfoggia una carrozzeria verniciata in rosso e degli interni grigi che, almeno secondo le foto, sembrano essere stati mantenuti in ottime condizioni.

Sempre in base alle informazioni riportate da Bring a Trailer, questa vettura ha percorso meno di 40.000 miglia (circa 64.374 km) e pare sia stata equipaggiata con un kit ECU Mopar Stage 2. Negli ultimi tre mesi sono stati sostituiti alcune componenti meccaniche come il collettore di scarico. Al momento della stesura di questo articolo, l’offerta più alta per questa Dodge Neon SRT-4 del 2005 è di soli 8800 dollari.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento