in ,

Mercato auto Italia: famiglie a picco

A dicembre 2019, le vendite di vetture nuove sono state sostenute da noleggio a lungo termine e km 0

Come già abbiamo descritto qui, a dicembre 2019 nel mercato auto Italia la domanda aumenta del 12,5%, con 140.075 unità immatricolate rispetto alle 124.535 dello stesso mese dello scorso anno. Nell’intero anno, dice l’Unrae (Unione Case estere), le immatricolazioni sono state 1.916.320, un flebile incremento dello 0,3% rispetto al 2018, quando furono venduti 1.910.701 veicoli e si registrò un calo del 3,3% rispetto al 2017.

Mercato auto Italia: privati in ribasso

I problemi sono 2, come si desume anche dalla nota Unrae.

  • In un contesto di forte incertezza economica e politica, spicca la mancanza di strategia da parte della politica nazionale. Che supporti la filiera automobilistica italiana. Anche vista l’introduzione nel 2020 dei nuovi limiti europei alle emissioni di CO2 e relative, pesanti sanzioni.
  • Analizzando la domanda di auto per utilizzatori, emerge il nuovo, pesante calo dei privati. Che a dicembre 2019 archiviano una diminuzione delle immatricolazioni del 6,1% a quasi 75.000 unità. E una perdita di quota di mercato di circa 10 punti percentuali al 52,8%, rispetto a un anno fa. Su gli acquisti delle persone giuridiche, con il +34% del noleggio e il +52% delle società. La performance del noleggio è conseguenza della forte crescita del segmento a lungo termine (+48% a 19.000 unità). Boom auto immatricolazioni (+74% a 31.000 unità): le km 0.

Mercato auto: gli ecobonus servono?

Sentiamo Federauto (concessionarie) in merito agli ecobonus: la messa in atto di provvedimenti non adeguatamente inquadrati in una logica di transizione verso una mobilità sostenibile non consente di raggiungere gli obiettivi prefissati. Ma addirittura rallenta ulteriormente il rinnovo del parco, senza benefici ambientali. L’auspicio di Federauto è che arrivino incentivi più forti per l’elettrico e l’ibrido da parte dello Stato. L’Anfia (Associazione nazionale filiera industria automobilistica) fa una premessa: per l’anno in corso, le risorse disponibili dell’ecobonus ammontano a 70 milioni di euro, a cui si aggiungono i 15,5 avanzati nel 2019. Chiede la Governo un incremento strutturale del plafond. Data la maggiore disponibilità di modelli, inclusi quelli prodotti da FCA.

Sembra che le notifiche siano off!