Jeep, Lancia e Chrysler: richiamo per 1,9 milioni di automobili

Jeep, Chrysler Lancia
Jeep, Chrysler e Lancia: richiamo per 1,9 milioni di auto

Fiat Chrysler Automobiles di nuovo al centro delle attenzioni per il richiamo di 1, 9 milioni di veicoli targati Jeep, Lancia e Chrysler. Questo richiamo sta interessando automobili vendute in tutto il pianeta e la causa sarebbe un problema all’airbag. Questo problema, secondo quanto trapela dal gruppo italo americano diretto da Sergio Marchionne avrebbe causato alcuni incidenti dalle conseguenze gravi. Essi infatti avrebbero provocato 3 morti e 5 feriti gravi.  In un comunicato reso pubblico da Fiat Chrysler Automobiles, è stato specificato che in taluni casi è possibile che l’airbag non si attivi.

Jeep, Lancia e Chrysler: ecco i modelli coinvolti

Si tratta di una situazione ovviamente molto delicata, che coinvolge un grande numero di modelli, parliamo di quasi 2 milioni di unità coinvolte.  Queste vetture sarebbero state vendute tra il 2010 e il 2014. Tra i modelli coinvolti vengono segnalati alcuni modelli di Chrysler  tra cui: Sebring, Chrysler 200, Dodge Caliber, la Dodge Avanger. Presenti anche alcuni modelli Jeep tra cui Patriot e Jeep Compass. Anche la celebre casa automobilistica italiana di Lancia è stata coinvolta nei richiami. Infatti anche alcuni modelli di Lancia Flavia venduti nel 2012 e nel 2013 potrebbero risultare difettosi da questo punto di vista. I modelli che hanno fatto segnalare questo problema, come detto sono stati venduti in tutto il mondo, Europa compresa. 

Leggi anche: Fiat Chrysler USA: riceve importante riconoscimento dal NBGH

Jeep Patriot

Già a maggio un richiamo simile aveva coinvolto 4,3 milioni di auto FCA

Ovviamente da Fiat Chrysler ma anche dalle associazioni dei consumatori si invita i proprietari di queste vetture a recarsi nella più vicina autofficina autorizzata o alla concessionaria Fiat Chrysler di riferimento per poter far controllare la propria vettura. Si tratta dell’ennesimo richiamo che negli ultimi tempi sta interessando automobili che fanno parte dei brand di Fiat Chrysler Automobiles. A quanto pare, la maggior parte dei modelli coinvolti sarebbe stata venduta negli Stati Uniti, Messico e Canada, ma come detto in precedenza vi sono casi anche in Europa.

Negli scorsi mesi molte case automobilistiche hanno avuto lo stesso problema

Già a maggio per un problema simile sempre Fiat Chrysler Automobiles richiamo oltre 4,3 milioni di veicoli. Comunque non si tratta di una cosa così insolita moltissime case automobilistiche importanti negli scorsi mesi sono ricorse allo stesso espediente per risolvere presunti problemi legati a modelli venduti negli anni passati ai propri clienti. Anche Audi, Bmw, Daimler, Ford e Volkswagen sono state protagoniste di richiami simili negli scorsi mesi.

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: sparisce dal video di Fiat Chrysler la prima immagine

  • Alfonso

    E’ molto più onesto richiamare veicoli difettosi per correggere eventuali problemi e salvare vite umane che vendere auto spacciandole per euro 6 e poi sotto sotto inquinano come trattori OM del ’65