BMW i5 xDrive40: la berlina elettrica che sfida Tesla Model 3 e Polestar 2

Ippolito V
BMW i5

BMW ha svelato l’ultima declinazione della sua Serie 5, segnando l’arrivo dell’ottava generazione. Come anticipato, questa nuova gamma pone un forte accento sui veicoli elettrici. A guidare la carica all’interno della famiglia G60 sono le straordinarie proposte BMW i5 eDrive40 e i5 M60 xDrive, che fungono da colonne portanti dell’intera offerta commerciale. La prima è una berlina elettrica a trazione posteriore, mentre la seconda si posiziona in cima alla catena alimentare con la sua configurazione a trazione integrale. Ma la BMW potrebbe avere un altro asso nella manica: una BMW i5 xDrive40 a trazione integrale.

Per ora si tratta soltanto di una voce di corridoio, anche se l’insistenza dei rumor lascia presagire che un fondo di verità vi sia. Nel frattempo, il popolo della rete è autorizzato a sognare. Qualora vedesse la luce, l’esemplare della Casa tedesca avrebbe i numeri adatti a ritagliarsi un posto in prima fila nell’offensiva del brand. Che attualmente sta vivendo un forte processo di transizione, con vetture di elevato calibro in procinto di arrivare nelle concessionarie.

BMW i5 xDrive: circa 400 cavalli

BMW i5

Sebbene il comunicato stampa iniziale non abbia fatto nessun riferimento sulla vettura, gli addetti ai lavori indicano che potrebbe fare il proprio esordio nel corso della primavera del 2024. Simile ai suoi fratelli, la BMW i5 xDrive40 utilizzerebbe la stessa tecnologia della batteria Gen5 e l’architettura CLAR. In particolare, rispecchierà le straordinarie prestazioni e le specifiche della BMW i4 xDrive40 annunciata di recente. In quella particolare specifica, vanta due motori elettrici che generano una potenza combinata di 396 cavalli e 443 Nm di coppia. Quindi è probabile che la stessa trasmissione verrà utilizzata anche nell’i5 xDrive40. La reazione calorosa del pubblico all’annuncio delle caratteristiche tecniche della sorella inducono a credere che si cercherà di eguagliarne le performance.

Considerando la differenza di peso, si prevede che la BMW i5 xDrive40, essendo un veicolo più grande, avrà probabilmente un’autonomia elettrica leggermente inferiore rispetto alla sua controparte i4. Il modello i4 arriva a 307 miglia di autonomia (circa 495 km) nel ciclo EPA (l’equivalente del WLTP in territorio americano) se equipaggiato con le ruote standard da 18 pollici ottimizzate aerodinamicamente e 282 miglia (poco meno di 455 km) con le ruote da 19 pollici opzionali. A ogni modo, la squadra di specialisti cercherebbe di ridurre al minimo il gap. Fino all’eventuali arrivo nelle concessionarie le parti lavorerebbero assiduamente per andare incontro alle elevate aspettative del pubblico di riferimento.

Laddove le voci corrispondessero al vero, si ripresenterebbe lo stesso dilemma, nella prospettiva dei conducenti: vale la pena sacrificare qualcosa in termini di autonomia per ritrovarsi con cerchi di maggiori dimensioni? Chiunque ha diritto a dare, ovviamente, la sua personale chiave di lettura. Del resto, non esiste una risposta giusta o sbagliata, bensì le considerazioni vanno rapportate ai gusti e alle esigenze personali. Comunque vada, siamo in presenza di un veicolo di elevato blasone, capace di andare incontro soprattutto alle richieste di chi desidera guidare un esemplare dalla buona spinta propulsiva.

In arrivo nella primavera del 2024

BMW i5

Mentre ulteriori dettagli rimangono nascosti, l’introduzione di una BMW i5 xDrive40 sarà senza dubbio accolta calorosamente dalla comunità degli appassionati di elettricità BMW. La BMW i5 2024 dovrebbe debuttare in Europa, disponibile nelle varianti eDrive40 e M60 xDrive, con prezzi di partenza rispettivamente di 77.600 euro euro e 100.200 euro. Pertanto, una i5 xDrive40 a trazione integrale rientrerebbe probabilmente nella fascia di prezzo tra le due versioni appena menzionate. Una bev per tutto l’anno molto più conveniente rispetto alla potente (601 cavalli con il powetrain “dual motor”), ma costosa i5 M60.

  Argomento: 
Share to...