Audi pensa alla sicurezza: maxi operazione da 100 milioni di euro

Ippolito V
Audi pensa alla sicurezza di tutti i suoi clienti con una maxi operazione da 100 milioni di euro: le auto non saranno sicure come non mai.
Audi A3

Audi ha appena inaugurato un centro per i crash test da 100 milioni di euro presso la sua sede centrale a Ingolstadt, in Germania. In totale, sono serviti tre anni per completare i lavori e il complesso sostituirà la fabbrica dove in precedenza venivano eseguite le prove di sicurezza.

Il centro contempla pure un laboratorio, dei banchi prove, delle officine e degli uffici. Circa 100 operatori lavoreranno presso la struttura, deputati a occuparsi di ciascuno scenario vagliato.

Complice l’ausilio delle telecamere ad alta velocità, ai rilevatori di movimento, nonché a vari altri sensori e scansioni 3D vengono effettuati i controlli di rito su qualsiasi tipologia di incidente.

Audi: investimento da 100 milioni di euro per la sicurezza

Audi Q8 restyling

All’apertura era presente pure Oliver Hoffman, componente del Consiglio di amministrazione del gruppo Volkswagen per lo sviluppo tecnico di Audi. L’alto funzionario della compagnia ha definito la sicurezza una priorità assoluta del brand. Il nuovo centro costituisce una “prova impressionante” dell’impegno profuso. I modelli attuali dell’azienda conseguono dei punteggi molto elevati nelle procedure di test applicate sulla scena globale. Ma non intendono vivere di rendita, adagiarsi sui traguardi tagliati in passato e ancora oggi. La mente è proiettata sempre al futuro, al fine di perfezionare le capacità di sviluppo e test.

Il fiore all’occhiello dell’Audi Vehicle Safety Center consiste in un enorme blocco d’urto, pesante circa 100 tonnellate, che può essere spostato e ruotato a piacimento. In aggiunta, viene impiegato un “pavimento volante”, tramite cui le vetture possono essere guidate lateralmente contro gli ostacoli, tipo il blocco d’urto.

Oltre al crash block e al “pavimento volante”, figurano delle piste contrapposte per una lunghezza di due metri e mezzo, affinché le auto riescano a raggiungere le velocità prestabilite dai test di sicurezza oggi in vigore. Una corsia dedicata permette ad Audi di analizzare la risposta degli incidenti ad angolo retto con due veicoli.

Per quanto riguarda i manichini, Audi ne ricorre a più di 60, da un bambino di 18 mesi ad adulti dal peso massimo di 102 kg. A cadenza mensile, gli specialisti del Costruttore dei Quattro Anelli effettuano decine di simulazioni dei sinistri prima di costruire dei prototipi fisici.

Anche attraverso un lavoro di qualità eccellente sotto il piano della sicurezza, Audi punta a rilanciare le relative quotazioni. L’ultimo periodo non è stato, infatti, facile per lei, tra la lentezza nella produzione di bev e i scarsi risultato raccolti in Cina e negli Stati Uniti. Che hanno contribuito alla sostituzione come amministrazione di Markus Duesmann con Gernot Dollner.

Marca:    Argomento: 
Share to...