in

Vettel: la perdita dello status di numero 1 era inevitabile secondo Camilleri

La perdita dello status di numero uno della Ferrari da parte di Sebastian Vettel è stata “inevitabile”. Lo ha affermato il CEO della Ferrari Louis Camilleri

Sebastian Vettel

La perdita dello status di numero uno della Ferrari da parte di Sebastian Vettel è stata “inevitabile”. Lo ha affermato il CEO della Ferrari Louis Camilleri dopo la stagione “fenomenale” di Charles Leclerc, con i due piloti che partiranno alla pari nel 2020. La Scuderia ha iniziato il 2019 dando la priorità a Vettel rispetto a Leclerc in situazioni 50-50, ma il giovane Monegasco ha iniziato a ottenere alcuni risultati impressionanti  che hanno indotto alla Ferrari un cambiamento. Il 22enne ha conquistato la sua prima pole position nella seconda gara in Bahrain, ma non è stato in grado di convertirla in una vittoria a causa di problemi al motore poiché Vettel ha sofferto di errori durante la prima metà della stagione.

“Chiaramente la prestazione di Charles ha avuto un impatto”, ha detto Camilleri nel debriefing post-season della Ferrari. “È inevitabile quando sei il campione del mondo e questo ragazzino arriva e subito disputa una stagione fenomenale. “Charles ha molto talento. Ha sorpreso persino noi stessi per ciò di cui è stato capace”. Il Gran Premio del Brasile ha visto entrambi lottare per il podio e finire fuori gara a causa di un incidente che ha coinvolto entrambi costringendoli al ritiro. Camilleri dice che tutto è stato chiarito ora.

“La loro collisione il mese scorso in Brasile è stata un incubo”, ha aggiunto. “Tuttavia, adesso è tutto risolto. E a volte hai bisogno di una crisi per sistemare le cose nel modo giusto. Quell’incidente ha offerto a Mattia un modo migliore di gestirli perché entrambi si sono resi conto del danno che hanno fatto alla Ferrari.”

Ti potrebbe interessare: Sebastian Vettel: nel 2021 l’addio alla F1? Ecclestone pronto a scommetterci

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento