in

Alfa Romeo: stop della produzione a Cassino per 18 giorni durante il periodo natalizio

L’ultimo giorno di produzione per il 2019 sarà il 19 dicembre

Nella giornata di ieri è arrivata la notizia della cancellazione di due giorni di cassa integrazione a dicembre per lo stabilimento di Cassino grazie ad un incremento degli ordini registrati dai tre modelli Alfa Romeo (Giulia, Stelvio e Giulietta) prodotti nel sito laziale. Questa buona notizia viene subito bilanciata dall’annuncio dell’atteso maxi-stop della produzione relativo al periodo natalizio.

Lo stabilimento di Cassino, infatti, chiuderà i battenti il prossimo 19 di dicembre, ultimo giorno del 2019 in cui la produzione dei modelli Alfa Romeo sarà attiva, per ritornare in attività soltanto il successivo 7 gennaio (al netto di possibili nuovi stop che potrebbero essere annunciati nel corso delle prossime settimane).

Il lungo stop natalizio per la produzione di Alfa Romeo è dovuto al ricorso alla cassa integrazione, ad una serie di giorni di chiusura con ferie da scontare per i lavoratori ed ai vari giorni festivi in cui le attività si sarebbero interrotte ugualmente.

18 giorni di stop produttivo per i modelli Alfa Romeo

Oggi 6 dicembre le attività di produzione a Cassino sono sospese per cassa integrazione. Un nuovo stop è in programma il prossimo 13 dicembre mentre le due giornate di CIG annunciate il mese scorso del 9 e 12 dicembre sono state cancellate. In calendario sono previsti altri tre giorni di cassa integrazione per venerdì 20 dicembre, lunedì 23 e martedì 24. 

Successivamente, nei giorni del 27, 30 e 31 dicembre è prevista una nuova chiusura con ricorso a giornate di ferie mentre il 2020 inizierà con un nuovo fermo produttivo per le giornate del 2 e 3 gennaio. Considerando anche i giorni di festa, le attività di produzione a Cassino per i tre modelli Alfa Romeo riprenderanno soltanto il 7 gennaio. In totale, quindi, sono previsti 18 giorni di stop per la produzione dei tre modelli della casa italiana.

Da notare, inoltre, che lo stabilimento di Cassino supererà i 100 giorni di cassa integrazione nel corso del 2019.

Anche il 2020 sarà caratterizzato da bassi livelli produttivi

Come sottolineato anche dai sindacati in occasione dell’annuncio della cancellazione della cassa integrazione prevista per la prossima settimana, è lecito aspettarsi un 2020 difficile per lo stabilimento di Cassino e, più in generale, per il marchio Alfa Romeo.

Considerando le prime stime diffuse in questi giorni, la produzione nel 2019 a Cassino dovrebbe registrare un netto calo rispetto ai dati del 2018. Lo scorso anno, lo stabilimento laziale chiuse con un totale di 99 mila unità prodotte ed un calo del 26.7%. Il 2020 potrebbe restare sui livelli del 2019 confermando quindi un costante ricorso alla cassa integrazione per lo stabilimento.

Il lancio delle nuove Giulia e Stelvio MY 2020, che portano tante novità all’interno dell’abitacolo ed il livello di tecnologia disponibile, potrebbe garantire una leggera crescita degli ordini sia nei mercati europei che in Nord America ed altri mercati internazionali.

Nel frattempo però c’è da mettere in conto un prevedibile calo ulteriore della produzione dell’Alfa Romeo Giulietta. La segmento C è praticamente a fine carriera e si appresta ad uscire dalla produzione nel corso del 2020, in vista del lancio dell’Alfa Romeo Tonale che, ricordiamo, sarà prodotto nello stabilimento di Pomigliano d’Arco.

Per Cassino, quindi, il nuovo “Piano Italia” di FCA non prevede alcuna novità sostanziale per il 2002. Tutto è rimandato al 2021 quando arriveranno i restyling di metà carriera di Giulia e Stelvio con novità considerevoli anche per la gamma di motorizzazioni (con l’arrivo delle versioni mild hybrid).

Con la fine dei lavori di produzione della Giulietta si inizierà, inoltre, la fase di transizione che porterà al debutto del nuovo Maserati D-SUV, il futuro entry level della gamma del marchio del Tridente che utilizzerà la piattaforma dell’Alfa Romeo Stelvio. Il nuovo D-SUV di Maserati potrebbe essere presentato nel 2020 ma arriverà sul mercato solo nel 2021.

Per ora, dopo il lancio dei restyling di Giulia e Stelvio e del nuovo D-SUV, FCA non ha altre novità per il futuro di Cassino. Maggiori dettagli sul futuro dello stabilimento laziale potrebbero arrivare nel corso dei prossimi mesi dopo che la fusione con PSA sarà definitiva e ufficiale ed il nuovo gruppo potrà iniziare a valutare quelli che saranno i suoi investimenti  a lungo termine. Continuate a seguirci per tutte le novità sul caso.