in ,

Alfa Romeo: ecco i risultati di vendita di Giulia, Stelvio e Giulietta in Europa dopo 9 mesi di 2019

Lo Stelvio si conferma il modello più venduto di Alfa Romeo

Come abbiamo visto la scorsa settimana, dallo scorso mese di settembre Alfa Romeo ha iniziato a mostrare i primi segni di una ripresa in Europa evidenziando una leggera crescita rispetto al 2018 ma continuando a registrare vendite nettamente inferiori rispetto ai risultati ottenuti nel corso del 2017. Il parziale annuo è, in ogni caso, estremamente negativo.

In attesa dei dati definitivi relativi al 2019, possiamo fare il punto della situazione sulle vendite dei modelli Alfa Romeo in Europa dopo i primi 9 mesi di 2019. La casa italiana, ricordiamo, ha chiuso i primi tre trimestre del 2019 con un totale di circa 41 mila unità consegnate e con un calo percentuale del 41.8% rispetto ai risultati registrati nello stesso periodo del 2018. Da notare che circa il 48% delle unità vendute da Alfa Romeo è legato al mercato italiano dove le consegne, al termine dei primi 9 mesi dell’anno, sono state superiori alle 19 mila unità (-46%).

Come vedremo analizzando i numeri nel dettaglio, solo l’Alfa Romeo Stelvio riesce a contenere le perdite, chiudendo i primi 9 mesi con dati negativi ma non drammatici. Sia la Giulia che, soprattutto, la Giulietta hanno fatto registrare, invece, un vero e proprio crollo delle consegne nel confronto tra il 2018 ed il 2019 contribuendo al risultato estremamente negativo del marchio Alfa Romeo.

Ecco come stanno andando le vendite dei tre modelli Alfa Romeo in Europa:

Alfa Romeo Stelvio

Grazie ad un mese di settembre da 2031 unità vendute in Europa (+35% rispetto al disastroso settembre del 2018, mese in cui iniziò la crisi di Alfa Romeo a causa delle nuove normative sull’omologazione), lo Stelvio porta a 19990 unità vendute il risultato complessivo in Europa dopo i primi 9 mesi di 2019. Circa il 45% delle vendite dello Stelvio arriva dal mercato italiano dove le consegne sono in calo del 15% su base annua.

Nel confronto tra i dati del 2018 ed i dati del 2018, lo Stelvio fa registrare un calo di quasi 1.500 unità che si traduce in un calo percentuale del 13%. Si tratta di un risultato negativo ma non drammatico per il SUV che, grazie anche al lancio del Model Year 2020 atteso in concessionaria ad inizio del prossimo anno, potrebbe ritrovare una nuova spinta per riprendere il suo programma di crescita in Europa.

Alfa Romeo Giulia

Passiamo ora alla berlina della casa italiana. Dopo le 725 unità vendute in Europa nel corso del mese di settembre (+23%), l’Alfa Romeo Giulia si porta a 7723 unità vendute nel corso del 2019 in Europa. Questo risultato è lo specchio dell’andamento delle vendite delle berline di segmento D in Europa, sempre meno richieste in favore dei SUV, oltre che dell’andamento generale del marchio italiano.

Nel confronto tra i primi nove mesi del 2018 e lo stesso periodo del 2019, la Giulia fa segnare un totale di 8448 unità vendute in Europa. Questo risultato si traduce in un calo percentuale, rispetto allo scorso anno, pari al -38% con oltre 6 mila unità vendute in meno in Europa nel passaggio dal 2018 al 2019.

Alfa Romeo Giulia MY 2020 - 3

Alfa Romeo Giulietta

Chiudiamo la nostra panoramica sulle vendite dei principali modelli Alfa Romeo in Europa con le vendite della Giulietta. La segmento C della casa italiana è oramai entrata nella parte finale della sua carriera e, nonostante il restyling arrivato (a sorpresa) nel corso del mese di marzo, sta facendo registrare un drastico crollo delle consegne rispetto al 2018.

La Giulietta ha chiuso il mese di settembre con un totale di 1357 unità consegnate (+53% rispetto al disastroso settembre dello scorso anno) portando così il totale delle immatricolazioni in Europa nel corso del 2019 a 12494 unità. Questo risultato comporta, rispetto ai dati dello stesso periodo del 2018, un calo percentuale del 45% con oltre 10 mila unità vendute in meno.

Cosa riserva il futuro per Alfa Romeo in Europa

La principale novità di Alfa Romeo per il 2020 sarà il lancio del Model Year 2020 di Giulia e Stelvio, un aggiornamento di cui abbiamo parlato, ampiamente, nel corso degli ultimi giorni e che, di certo, continuerà a far parlare di sé anche nelle prossime settimane in vista del debutto ufficiale in concessionaria atteso per il mese di gennaio.

Il Model Year 2020 di Giulia e Stelvio, come noto, non porterà novità sostanziali alla gamma di motorizzazioni ma andrà a rinnovare, ampiamente, l’abitacolo interno, il sistema di infotainment e il livello tecnologico dei due modelli riducendo il gap con le dirette concorrenti per questi aspetti che sono sempre più importanti nel mercato premium. Per il 2021 è atteso il lancio del restyling di metà carriera di Giulia e Stelvio in Europa. 

Per quanto riguarda la Giulietta, invece, non ci saranno ulteriori aggiornamenti per la gamma. La segmento C è destinata ad uscire dalla produzione nel corso del 2020. Come chiarito in via definitiva dal piano industriale di Alfa Romeo diffuso a fine ottobre, non è prevista la realizzazione di una nuova generazione di Giulietta.

Per il segmento C, la casa italiana ha in cantiere il lancio dell’Alfa Romeo Tonale. Il nuovo C-SUV, come confermato più volte da FCA in queste settimane, sarà pronto per la vendita soltanto nel 2021. Il Tonale sarà venduto anche al di fuori dell’Europa. In futuro, nel corso del 2022, Alfa Romeo lancerà anche un B-SUV, un progetto che, per ora, è ancora avvolto dal mistero.

Il futuro del marchio italiano dipenderà dal successo dei nuovi progetti (Tonale e B-SUV) e dai risultati di Giulia e Stelvio che dovranno raggiungere numeri di vendita nettamente migliori sulla spinta del MY 2020 e del restyling di metà carriera in arrivo nel fusione. La futura fusione con PSA potrebbe dare nuova linfa al marchio italiano anche se, per il momento, non ci sono piani concreti a lungo termine.