in

Ferrari presente a Milano AutoClassica con tre icone

Esposta anche una Ferrari Monza SP1 sotto lo stesso padiglione che rappresenta la nuova serie Icona

Ferrari 125 S

Da oggi fino al 24 novembre 2019, presso Fiera Milano, si tiene la nona edizione di Milano AutoClassica in concomitanza dei 90 anni della Scuderia Ferrari, fondata esattamente il 16 novembre del 1929.

In tale occasione, i musei del cavallino rampante stanno esponendo tre vetture iconiche: 125 S, 250 GT Berlinetta SWB e F2002. Partendo dalla Ferrari 125 S, si tratta di una barchetta prodotta dal 1947 in soli due esemplari. Sotto il cofano troviamo un motore V12 progettato da Gioacchino Colombo.

Ferrari 125 S

Ferrari: 125 S, 250 GT Berlinetta SWB e F2002 mostrate a Milano AutoClassica 2019

L’auto in questione si portò a casa la prima vittoria nel 1947 con alla guida il pilota Franco Cortese in occasione del Gran Premio di Roma tenutosi presso le Terme di Caracalla.

La seconda icona esposta a Milano AutoClassica 2019 è la Ferrari 250 GT Berlinetta SWB. Parliamo di una sportiva disegnata da Pininfarina che venne presentata per la prima volta al pubblico in occasione del Salone di Parigi del 1959. Con il suo potente V12 da 3 litri da 260/280 CV, la 250 GT Berlinetta SWB venne progettata per il mondo delle corse.

Ferrari 250 GT Berlinetta SWB

Tuttavia, la vettura di Maranello ebbe un discreto successo anche nella sua versione stradale. La produzione dell’auto avvenne fino al 1962 e durante la sua carriera prese parte a diversi eventi di corse quali Tour de France, Tourist Trophy di Goodwood e 24 Ore di Le Mans nella classe GT.

Il terzo ed ultimo veicolo esposto da Ferrari all’evento Milano AutoClassica 2019 è la Ferrari F2002. Si tratta della monoposto di Formula 1 con cui Michael Schumacher vinse il Titolo Piloti e la Scuderia del cavallino rampante quello Costruttori. Si tratta di una monoposto particolarmente importante per la casa automobilistica modenese in quanto è riuscita a conquistare numerosi titoli importanti: 15 vittorie su 17 GP disputati, nove doppiette e 10 pole position.

Ferrari F2002

Rispetto alla F2001, la Ferrari F2002 venne totalmente ridisegnata e migliorata sotto alcuni aspetti. Ad esempio, gli ingegneri di Maranello adottarono un telaio più leggero e diversi elementi rivisti come i radiatori e gli scarichi per aumentare l’efficienza aerodinamica e migliorare il raffreddamento del nuovo motore 051.

A parte queste tre icone, Ferrari sta esponendo anche un esemplare della Ferrari Monza SP1, la barchetta monoposto appartenente alla nuova serie Icona che propone un design ispirato ai modelli degli anni ‘50 del cavallino rampante.

Quest’ultima nasconde sotto il cofano lo stesso motore della 812 Superfast, ossia il V12 da 810 CV di potenza a 8500 giri/min. Grazie a quest’ultimo, la moderna monoposto è in grado di scattare da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e da 0 a 200 km/h in 7,9 secondi mentre la velocità massima raggiunta supera i 300 km/h.

Ferrari Monza SP1